Sicurezza in Galleria, in campo i vigilantes. Pagano i commercianti: "Basta furti e borseggi"

I sorveglianti con pettorina “Secursafe“ sono già operativi nel Salotto L’associazione di categoria: "Spesa necessaria, divisa tra i negozianti L’obiettivo è dissuadere i malviventi e rendere più vivibile questo luogo"

I vigilantes in azione in Galleria
I vigilantes in azione in Galleria

Milano, 4 dicembre 2023 –  Sono vestiti di nero e hanno una pettorina gialla con alle spalle la scritta “Secursafe’’. Ecco i vigilantes che da un paio di giorni presidiano la Galleria Vittorio Emanuele, addetti alla sicurezza pagati dai commercianti che aderiscono all’associazione Il Salotto di Milano (Confcommercio), preoccupati per l’escalation di furti e borseggi registrati in uno dei luoghi simbolo della città.

Pier Antonio Galli, consigliere delegato dell’associazione Il Salotto, spiega che "il servizio di vigilanza, pagato dai commercianti che aderiscono alla nostra associazione, non intende sostituire le forze dell’ordine, ma può aiutarle e coordinarsi con loro per rendere più sicura la Galleria. Cerchiamo di fare la nostra parte per rendere migliore possibile l’esperienza nel Salotto per i milanesi e per i turisti. Non si tratta di ronde, noi non facciamo politica. La presenza dei vigilantes con pettorina si pone come principale obiettivo di dissuadere i malviventi a commettere furti e borseggi, che purtroppo negli ultimi mesi, con l’aumento del numero di turisti nel Salotto, è diventato un problema più grave che in passato".

In più di un’occasione, negli ultimi tempi, i commercianti della Galleria hanno denunciato l’aumento di furti e anche di rapine di orologi di lusso nel cuore di Milano, tanto da aver fatto diventare una consuetudine quella di avvisare i clienti, verbalmente e con cartelli, di stare attenti ai malintenzionati.

In estate , inoltre, nei dehors all’aperto, spesso sono sparite borse o portafogli ai milanesi o ai turisti che mangiavano nei ristoranti e nei bar del Salotto. "Penso che la presenza dei vigilantes in Galleria possa essere di grande utilità per far diminuire i furti – continua Galli –. Vedremo nei prossimi mesi quali risultati otterremo. Noi speriamo che anche grazie al nostro contributo, oltre alla presenza dei vigili urbani, la Galleria torni un luogo sicuro. Certo, noi commercianti avremmo preferito evitare questa spesa per gli addetti alla sicurezza, ma crediamo sia un costo tollerabile, anche perché diviso tra i vari associati, per far sì che il Salotto non sia collegato a problemi relativi a furti di soldi, orologi, documenti e passaporti, che, nel caso dei turisti, possono rovinare una vacanza e lasciare un pessimo ricordo della nostra città. La Galleria sicura rappresenta un ritorno di immagine per noi e per Milano".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro