Scala, disgelo tra direzione e Cgil

Dialogo tra direzione della Scala e Slc riprende dopo sciopero annunciato. Possibile revoca dello stato di agitazione in vista della Prima di Guglielmo Tell. Accordi su polizza sanitaria e aumenti contrattuali. Prossimi incontri su intermittenti, spazi e prestazioni.

Il dialogo è ripartito dopo lo scontro delle ultime settimane e la proclamazione dello sciopero da parte dell’assemblea della Cgil. Tuttavia, bisognerà attendere domani per capire se il riavvicinamento tra direzione della Scala e rappresentanti della Slc porterà alla revoca dello stato di agitazione e dell’agitazione in calendario per il 20 marzo, in concomitanza con la Prima dell’opera Guglielmo Tell.

Stando a quanto emerso al termine della riunione di ieri pomeriggio tra i vertici del teatro e la delegazione sindacale guidata da Paolo Puglisi, il 99% del valore economico della polizza sanitaria integrativa del 2023 verrà erogato nello stipendio di marzo, così come la medesima percentuale degli aumenti contrattuali in vigore dal primo gennaio 2024. Al prossimo incontro, in programma tra 24 ore, si parlerà di intermittenti e prestazioni delle comparse, mentre già venerdi o al massimo la settimana prossima si discuterà della divisione degli spazi tra via Filodrammatici e la nuova torre di via Verdi, tema che sta particolarmente a cuore ai lavoratori del Piermarini.

N.P.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro