Quotidiano Nazionale logo
21 feb 2022

Sartoria Melzo Nuovo piano Welfare

Votato all’unanimità: non più contributi a pioggia ma progetti mirati e "su taglia" per le famiglie

Fra le idee pilota quella che vede alcune donne straniere promosse a tutor di altre donne per attività di informazione su servizi comunali, opportunità e corsi
Fra le idee pilota quella che vede alcune donne straniere promosse a tutor di altre donne per attività di informazione su servizi comunali, opportunità e corsi
Fra le idee pilota quella che vede alcune donne straniere promosse a tutor di altre donne per attività di informazione su servizi comunali, opportunità e corsi

"Sartoria Melzo: servizi su misura". No, non è il marchio di un negozio. Bensì il titolo, "un po’ ardito, ma che ci sembrava rendesse bene il concetto", dell’ultimo piano del Welfare dell’amministrazione comunale Fusè, approvato l’altra sera con voto e consenso unanimi. Un piano, innanzitutto, che riconferma l’assoluta centralità dell’aiuto alle persone in difficoltà da parte dell’amministrazione uscente: sul piatto, in tutto, quasi 3 milioni e mezzo di euro. Dopo la spesa per il personale, la voce più elevata di tutto il bilancio comunale. Ma ciò che si conferma come pionieristico è il metodo. Fra le pagine obiettivi e fasi già in attuazione del Welfare generativo, dove colui che ha bisogno del Comune passa da utente a cittadino, e nel momento in cui viene aiutato, si impegna a mettersi a disposizione per la restituzione alla comunità di quanto ottenuto in un momento di bisogno. Restituzione sotto varie forme e sulla base appunto di progetti cuciti su misura: lavori e attività utili, partecipazione attiva a organizzazione e realizzazione di progetti comunali, attività di mutuo sostegno fra cittadini. I percorsi, singoli o a livello di nucleo familiare, vengono seguiti dai servizi insieme a staff di comunità. Fra i progetti di restituzione alcuni percorsi estivi nei centri comunali per bambini e ragazzi. Lavori e attività utili a favore della città. Aiuto a vicini di casa o altri cittadini. Fra le idee pilota quella che vede già alcune donne straniere promosse a tutor di altre donne, per attività di informazione su servizi comunali, opportunità, corsi di lingua, progetti scolastici. Il piano dei servizi sartoriale l’atto finale di 5 anni di attività dell’assessorato alla persona di Valentina Francapi e di uno staff dei servizi sociali di lungo corso e consolidato. "Abbiamo creduto fin da subito - così la Francapi - a un nuovo approccio metodologico. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?