Quotidiano Nazionale logo
1 mag 2022

"Quella passerella chiusa da Rfi Aprite un tragitto alternativo"

Diciottenne travolto dai convogli mercoledì . Monta la polemica

Monta la polemica su quel tragitto raggiungibile solo violando le norme che vietano l’attraversamento dei binari, una violazione che può portare a tragici incidenti come quello della morte del 18enne travolto dai convogli avvenuta la sera di mercoledì scorso. "Aprite un tragitto alternativo alla passerella chiusa da Rfi", sostengo in tanti.

C’è preoccupazione per la chiusura di quell’unico passaggio che dalla stazione ferroviaria conduce nelle aree verdi in riva al fiume, prese d’assalto da molte persone che nel periodo estivo giungono a Cassano in treno.

All’indomani della chiusura, 2012, della questione se ne occupò anche la Questura che fece un sopralluogo in cui constatò l’inopportunità di quella chiusura.

Da fonti sicure, poi, si apprende che Rfi era disposta ad una convenzione da stipulare con il Comune, pronta a riaprire purché l’ente pubblico assumesse la responsabilità gestionale cioè: la messa in sicurezza e manutenzione di quel passaggio. L’ex sindaco Roberto Maviglia però smentisce una simile possibile soluzione: "Con me non hanno fatto nessuna trattativa, hanno chiuso e sono stati irremovibili nella loro posizione". Una soluzione che invece molti cassanesi auspicherebbero. Non tutti contrari alla chiusura, c’è chi difende la scelta di Rfi e punta il dito contro il progetto della tangenziale. Posizione questa sostenuta dal cassanese Augusto Brambilla che raggiungeva la stazione ferroviaria da Cascine San Pietro utilizzando quel passaggio.

"In Comune sapevano che quel passaggio sarebbe stato chiuso e in fondo penso sia corretto così. Per tanti anni ne abbiamo fatto uso arbitrariamente. Il problema, semmai, è sulla disattenzione progettuale della tangenziale da parte della passata amministrazione comunale. Non é accettabile che non sia stato considerata l’apertura di un passaggio che conduca sulla strada in riva al fiume, chiudendo così gli abitanti di quei luoghi in una zona senza uscite".

S.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?