Piovono pietre. I calcinacci dal soffitto: palestra chiusa

Fissato per i prossimi giorni un sopralluogo. L’assessore Magnoni: ci siamo attivati all’istante. .

Piovono pietre. I calcinacci dal soffitto: palestra chiusa

Piovono pietre. I calcinacci dal soffitto: palestra chiusa

Distaccamento del copriferro dal soffitto della palestra di via Curiel: chiuso per precauzione l’edificio. Le abbondanti piogge estive di questa stagione potrebbero essere la causa del distaccamento di una parte di copriferro presente nella parte interna dell’armatura del soffitto, nella palestra in via Curiel. A queste pesanti infiltrazioni, bisogna aggiungere l’età della scuola, costruita alla fine degli anni Settanta. Elementi che combinati insieme potrebbero aver arrugginito i ferri della copertura e provocato il cedimento di una parte del sostegno che protegge l’armatura. L’Amministrazione, con i propri tecnici, si è subito attivata per gestire il problema e intervenire per risolverlo. È già fissato per i prossimi giorni un sopralluogo specifico che avvierà le analisi per individuare la causa del distaccamento e procedere nel modo migliore per la riparazione. Per stabilire le effettive tempistiche, è necessario attendere la prima relazione tecnica. L’intervento non è semplice in quanto il soffitto è a sette metri di altezza: ci vorrà una strumentazione e mezzi adeguati per poter definire i dettagli della riparazione e mettere tutto in sicurezza. Dalle prime ipotesi, potrebbe trattarsi dello spostamento dei copriferri dovuto anche a una fase di ossidazione dei ferri. Questo potrebbe aver compromesso parte dello spessore adatto a coprire i ferri della copertura, causando il distaccamento. Nella prima fase di intervento, bisognerà battere la parte precaria e valutare lo stato di ferri e copriferri.

"Ci siamo subito attivati per risolvere il problema - commenta l’assessore ai Lavori Pubblici ed Edilizia Pubblica e Privata Maurizio Magnoni - e abbiamo interdetto l’accesso alla palestra per motivi precauzionali. I tecnici sono già al lavoro e hanno programmato una serie di sopralluoghi. Per ora, non abbiamo tempistiche precise: appena gli esperti svolgeranno i primi approfondimenti si potranno avere dettagli più chiari e ne daremo tempestiva comunicazione". "Ci dispiace per il disagio causato agli studenti che frequentano la palestra e agli sportivi che si allenano - aggiunge il sindaco Stefano Martino Ventura - ma la sicurezza è una priorità ed è nostro dovere riaprire la struttura solo quando sarà tutto a posto".