La pioggia mette ko le scuole di Milano: soffitti crollati, corridoi allagati, laboratori fuori uso

Al liceo classico Tito Livio aula inagibile, computer a mollo nell’acqua al Bertarelli Ferraris. Città Metropolitana: stiamo intervendo

I danni della pioggia all'istituto Bertarelli Ferraris di via Giulio Romano

I danni della pioggia all'istituto Bertarelli Ferraris di via Giulio Romano

Milano – Pannelli di controsoffitti caduti. Pc completamente zuppi. Infiltrazioni su pareti e pavimenti. La pioggia ininterrotta tra ieri giovedì 22 e oggi venerdì 23 febbraio ha causato gravi disagi in più scuole superiori di Milano.

Tito Livio

Al liceo classico Tito Livio di via Circo, in pieno centro, nella notte è crollato il pannello di un controsoffitto in un’aula del secondo piano: in quel momento la scuola era deserta e quindi nessuno ha corso il rischio di trovarsi lì sotto al momento sbagliato. Al mattino, gli alunni di quella classe sono stati trasferiti in un altro spazio, fa sapere la preside Simona Forzoni. “Attendiamo l’intervento degli addetti di Città Metropolitana per la sostituzione del pannello e un controllo. Probabilmente le infiltrazioni sono dovute alla mancanza di pulizia delle grondaie del tetto”.

Bertarelli-Ferraris

Amara sorpresa anche all’Istituto Bertarelli-Ferraris di Porta Romana, dove si sono staccate porzioni di pannelli (con conseguente pioggia di calcinacci) in un corridoio e si vedeva l’acqua scivolare sulla parete. Alla succursale Polo delle professioni innovative in via Giulio Romano, l’acqua ha addirittura invaso l’aula del laboratorio di meccatronica al secondo piano: "Abbiamo trovato 4 computer che galleggiavano. Li porteremo in assistenza sperando non siano compromessi: ogni pc costa 1.500 euro ed era stato acquistato con fondi del Pnrr”, spiega il professore di Tecnologia meccanica Giancarlo Pizzuto, addetto alla sicurezza. Non solo. “Il laboratorio di saldatura virtuale, il nostro fiore all’occhiello, resta sospeso. E questo è grave. Già in passato avevamo dovuto buttare due mouse”. Città Metropolitana fa sapere che tutte le criticità erano state risolte e che, in occasione dell’acquazzone di due settimane fa, non c’erano state segnalazioni. In ogni caso è previsto un intervento risolutivo al tetto grazie a un finanziamento di 2,9 milioni di euro. Secondo i piani, a luglio inizieranno i lavori.

Galilei e Virgilio

Ancora: acqua nell’ufficio di presidenza dell’istituto Galilei di via Paravia, quartiere San Siro. Infiltrazioni pure nella palestra del liceo Virgilio, in piazza Ascoli, e in quella dell’istituto Lagrange di via Litta Modignani tra Comasina e Bovisasca, dove si sono allagate anche aule, così come al vicino Pareto.

Verri

Cascate, poi, al linguistico e tecnico economico Verri di via Lattanzio, zona viale Umbria, dove di recente sono state sostituite delle finestre. Città Metropolitana è intervenuta dalla mattinata per tamponare i problemi che verranno risolti definitivamente con interventi previsti nel Piano triennale delle opere pubbliche.

In provincia

Guai anche nell’hinterland: segnalate infiltrazioni nella palestra e nell’auditorium della succursale dell’istituto Machiavelli in via Milano a Pioltello; nell’auditorium della sede distaccata della scuola Giordano Bruno a Cassano d’Adda e alla tensostruttura del Galilei di Legnano. Mentre, a Rho, ignoti si sono intrufolati di notte nella sottostazione del teleriscaldamento al liceo Rebora di via Piero della Francesca e hanno chiuso le valvole. Risultato: all’apertura, l’edificio era al gelo.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro