Agenti sulla scena del crimine. Nel riquadro, il reo confesso
Agenti sulla scena del crimine. Nel riquadro, il reo confesso

Milano, 25 marzo 2019 -  Pietro Carlo Artusi, l'uomo fermato martedì scorso dalla Squadra mobile per l'omicidio della compagna Roberta Priore, si è impiccato nella cella del carcere di San Vittore nella quale era recluso da qualche giorno: soccorso dagli agenti della polizia penitenziaria, l'uomo era stato ricoverato in condizioni disperate all'ospedale San Carlo. Intorno alle 17, 30 i medici ne hanno decretato la morte celebrale. Artusi aveva confessato di aver ucciso la compagna soffocandola con un cuscino al culmine di un violento litigio.