Barack Obama - (Foto: Olycom)
Barack Obama - (Foto: Olycom)

Milano, 3 aprile 2017 - Barack Obama a Milano il 9 maggio e riceverà le chiavi della città. L'annuncio arriva dal sindaco Giuseppe Sala. L'ex presidente degli Stati Uniti d'America parteciperà a una giornata di The Seeds&Chips - The Global Food Innovation Summit, previsto a Milano dall'8 all'11 maggio a FieraMilano Rho, e "in quell'occasione avremo l'onore di ospitarlo e dargli le chiavi della città" che a Milano, ha ricordato Sala, si chiamano formalmente i Sigilli.

"Sarà probabilmente la prima uscita pubblica post mandato del presidente e il fatto che abbia scelto Milano mi sembra una cosa straordinaria", ha aggiunto il primo cittadino di Milano che si è augurato di poter organizzare una cerimonia a Palazzo Marino, sede del Comune, per consegnarli le chiavi della città, "altrimenti andrò io da lui". Obama terrà nel pomeriggio del 9 maggio una sua conferenza al Global Food Summit alla fiera di Rho sul tema dell'impatto dell' innovazione delle tecnologie sui cambiamenti climatici e sul cibo. Assieme a lui ci sarà Sam Kass, suo cuoco personale durante il mandato alla Casa Bianca e testimonial della campagna 'Let's Move' lanciata da Michelle Obama. "Obama - ha proseguito Sala - ha deciso di continuare anche nel post mandato la sua missione sul tema dell'alimentazione". Sala ha ricordato che durante Expo 2015 aveva accolto la moglie dell'ex presidente degli Usa, Michelle Obama, "che siamo convinti abbia raccontate cose belle della nostra città al marito". 

Soddisfatto anche Marco Gualtieri, fondatore di Seeds&Chips: "Siamo onorati che l’ex Presidente Barack Obama venga per la prima volta a Milano per Seeds&Chips: è un importante segnale di attenzione verso Milano, l’Italia e il percorso iniziato con Expo 2015. Con l’intervento dell’ex Presidente Obama a Seeds&Chips Milano torna protagonista per le food policies a livello internazionale. Nel 2015 Expo ha puntato i riflettori su Milano: oggi abbiamo la responsabilità di portarne avanti l’importante eredità". Gualtieri ha aggiunto: "E’ fondamentale trovare soluzioni per affrontare le grandi sfide legate all’aumento della popolazione globale, alla food security, alla sostenibilità e al climate change: sono convinto che Milano e l’Italia possano diventare punto di riferimento internazionale per i temi dell’innovazione e della ricerca in questo campo”.

Il summit coinvolgerà centinaia di startup, aziende, università, istituzioni, investitori, acceleratori e incubatori, opinion leader e policy maker del settore food e food-tech, e vedrà una parte espositiva e una di conferenze. Nella parte espositiva importanti aziende, start up e realtà istituzionali presenteranno le loro proposte tecnologiche. Nel ricco calendario di conferenze, autorevoli esperti del settore che si confronteranno sugli scenari più significativi dell’alimentazione, della produzione e dell’approvvigionamento di cibo. In particolare, alla special conference “Feeding the Cities – Urban and Vertical Farming” dedicata alla coltivazione sostenibile nelle grandi metropoli, prenderanno parte i sindaci delle principali capitali mondiali con il keynote speech del Sindaco di Milano Giuseppe Sala ad aprire i lavori. Alla conferenza “Food Security for developing countries” si affronterà invece il tema dell’approvvigionamento alimentare nei Paesi in via di sviluppo.

Oltre all’ex Presidente USA Barack Obama, saranno tante le illustri presenze internazionali e italiane: Kerry Kennedy, Presidente del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights; Sam Kass, chef-consigliere dell’ex Presidente USA e artefice della rivoluzione salutista alla Casa Bianca; il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina, Livia Pomodoro, Presidente del Milan Center for Food Law and Policy, Fabio Gallia, Ad di Cassa Depositi e Prestiti; Luigi Bonini, Senior Vice President, Global Product Innovation di Starbucks; il Presidente di Illycaffé Andrea Illy; l’ex Ad di Esselunga Giuseppe Caprotti; il Vice Presidente di Slow Food International Edward Mukiibi; la fondatrice e Presidente di Food Tank Danielle Nierenberg. Presenti anche diversi esponenti della Commissione Europea e del Parlamento Europeo.