di Chiara Zennaro Varcando il cancello colorato del cortile del Cd Giambellino, lasci fuori la città ed entri in una realtà accogliente e sicura, come quando torni a casa dopo una lunga giornata. E non è solo un’impressione. Lo conferma Mike, 18 anni, che frequenta il doposcuola da quando è piccolino. Alle elementari ha iniziato con il Tappeto giallo, alcune attività di sostegno ai percorsi scolastici...

di Chiara Zennaro

Varcando il cancello colorato del cortile del Cd Giambellino, lasci fuori la città ed entri in una realtà accogliente e sicura, come quando torni a casa dopo una lunga giornata. E non è solo un’impressione. Lo conferma Mike, 18 anni, che frequenta il doposcuola da quando è piccolino. Alle elementari ha iniziato con il Tappeto giallo, alcune attività di sostegno ai percorsi scolastici rivolte ai bambini dai sei agli 11 anni, proposte dall’Istituto Comprensivo Narcisi. "Il Cd è come una famiglia per me– si confida Mike –. Al doposcuola mi hanno sempre aiutato nello studio, perchè ci sono materie per cui ho bisogno di ripetizioni, che hanno un costo elevato se prese privatamente. Oltre allo studio, gli educatori propongono soprattutto momenti di socializzazione e sono sempre disponibili ad ascoltarci, se abbiamo qualche probelma".

Come Mike, anche Dalise, 22 anni, conosce la realtà del doposcuola da quando è una bambina. "Una volta diventata grande sono venuta a dare una mano a quelli più piccoli di me, come volontaria. Il Cd Giambellino mi ha dato la possibilità di viaggiare: ho partecipato come volontaria al treno della Memoria, un percorso europeo che termina con una visita al campo di concentramento di Auschwitz". Grazie al sostegno del Cd, Dalise si prepara a vivere da sola: "Faccio parte di un progetto con altre tre persone, ed è entusiasmante, perché finalmente sto andando via di casa. Ora sto lavorando ma in futuro vorrei riprendere a studiare".

Continuare a studiare è quello che ha fatto Abanoub, 20 anni: "Dopo tanti anni trascorsi al doposcuola, ora frequento la facoltà di ingegneria a Pavia e nel frattempo presto servizio civile qui come operatore". Tra gli ultimi arrivati nella famiglia del Cd Giambellino, c’è Ahmed, che spera di arrivare alla maturità serenamente e di inserirsi nel mondo del lavoro: "Ho scelto di iscrivermi al doposcuola per avere un aiuto con la lingua italiana perchè quest’anno avrò la maturità. Mi piacerebbe migliorare i miei voti e trovare un lavoro dopo l’esame".