Quotidiano Nazionale logo
23 feb 2022

Neet, giovani all’angolo della vita: né studio né lavoro. Allarme ragazze

Il dossier ActionAid: in Italia quelli che non fanno nulla sono quasi uno su 4. In regione solo il 17% Le donne più esposte a un fenomeno cresciuto a causa dell’isolamento da Covid

marianna vazzana
Cronaca
Neet (immagine di repertorio)
Neet (immagine di repertorio)

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano -  Non studiano e non lavorano. In Italia sono oltre 2 milioni i giovani tra i 15 e i 29 anni che si trovano in questa condizione: i neet, che sta per “not in education, employment or training“, quindi né occupati né inseriti in un percorso di istruzione o formazione. Il 24%, come confermano gli ultimi dati Istat. Un numero in crescita rispetto al 2020; un’impennata dovuta anche alla pandemia. Sta di fatto che più di 97mila ragazzi nell’ultimo anno sono usciti da percorsi lavorativi o di studio. Il dato peggiore in Europa dopo Turchia, Montenegro e Macedonia.
A lanciare l’allarme è ActionAid, organizzazione internazionale impegnata nella lotta alle cause della povertà.

In Lombardia, come in generale nelle regioni del Nord, la situazione è migliore rispetto alla media: i neet rappresentano il 17,4% dei giovani, con il 19,7% di ragazze inattive e il 15,3% di ragazzi (a livello nazionale: 21,3% di maschi e 25% di femmine), ma il quadro è peggiorato rispetto al periodo pre-Covid: la fotografia dei dati mostra il 3% di neet in più. Senza contare che anche sul territorio lombardo resta il divario di genere. "Dall’aumento dell’insicurezza nello studio e al lavoro, a problemi relazionali e di salute mentale, le ripercussioni sulle nuove generazioni sono importanti. Pesa anche la mancanza di misure a sostegno del reddito e dell’occupazione giovanile", si legge nella nota di ActionAid.

Quanto alla differenza tra donne e uomini, "secondo una ricerca Ocse (2021) le giovani hanno meno probabilità di trovare un impiego rispetto ai loro coetanei". Infatti, appena il 30% delle donne tra i 25 e i 34 anni con un diploma di istruzione secondaria di primo grado ha trovato un impiego nel 2020, rispetto al 64% degli uomini. Per tendere una mano ai ragazzi, ActionAid propone il progetto “Lavoro di Squadra“, rivolto proprio ai neet, con il contributo di Z Zurich Foundation e in collaborazione con Afol Metropolitana, Istituto Italiano di Fotografia e LaFabbrica.

Quest’anno, la possibilità è per ragazze tra 16 e 25 anni: "Sono le giovani a vivere situazioni di marginalizzazione maggiore e più in generale a soffrire di una minore soddisfazione rispetto alla propria vita", continuano da ActionAid. L’obiettivo è costruire insieme un progetto lavorativo o formativo, per valorizzare e scoprire i talenti di ciascuna ma anche competenze e desideri.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?