Quotidiano Nazionale logo
16 feb 2022

Il mistero della borsa di studio sparita per un milanese: "Ora sono nel limbo a Marsiglia"

A dicembre Lorenzo Caglioni era tra i premiati dalla Fondazione Adolfo Pini. Poi il silenzio. Accordi con un centro culturale e volo già presi ma tutto è ancora bloccato

simona ballatore
Cronaca
Lorenzo Caglioni, 30 anni, di Milano nel centro culturale di Marsiglia
Lorenzo Caglioni, 30 anni, di Milano nel centro culturale di Marsiglia

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - I primi di dicembre aveva ricevuto la bella notizia: Lorenzo Caglioni era tra i vincitori di una delle cinque borse di studio (la sua era del valore di tremila euro) promosse dalla Fondazione Adolfo Pini "per sostenere, promuovere e valorizzare studenti e ricercatori nei settori dell’arte e della creatività", accedendo "a un periodo di formazione o di ricerca da realizzarsi presso prestigiosi centri internazionali specializzati di tutto il mondo". Peccato che - nonostante il progetto già scritto, gli accordi presi con un centro culturale artistico di Marsiglia e dopo aver preso il volo - quella borsa di studio sia di fatto sparita nel nulla come la Fondazione, travolta dall’inchiesta giudiziaria in corso.

Oggi Lorenzo, trentenne milanese è ancora lì, nel limbo. Dopo il diploma al liceo classico Carducci, la laurea in Sociologia alla Bicocca e un dottorato di ricerca in Sociologia della Cultura e dei processi culturali tra l’università Cattolica di Milano e Londra, Lorenzo Caglioni aveva scritto - durante il primo lockdown - un libro sui quartieri creativi delle due città (“Hipster. Subcultura della crisi“) e aveva iniziato a interessarsi alle ’industrie creative’ con l’associazione ’Meraki desideri culturali’ di Dergano e con progetti a cavallo tra inclusione sociale e innovazione culturale. La ricerca marsigliese era in linea con questo percorso. "Non conoscevo la Fondazione, mi avevano segnalato il bando dall’associazione e mi sembrava una bella occasione", racconta.

"Così ho preso contatti con un centro culturale di Marsiglia molto innovativo: è in una ex fabbrica, in uno dei quartieri più poveri della Francia. Un’operazione simile a quella che è stata fatta a Base-Milano, ma molto più grande, con 400 persone che vi lavorano. Il mio è un progetto di street photogaphy oltre che di ricerca, dovrei analizzare i pubblici giovani e “importare“ buona pratiche". Ha steso il piano entro il 10 ottobre, come previsto, ha ricevuto la risposta positiva i primi di dicembre ed è stato subito “sollecitato“ a ultimare il tutto e a prendere il biglietto aereo per Marsiglia.

«Anche il centro culturale francese si è immediatamente attivato: il progetto si sarebbe dovuto chiudere entro marzo 2022, mi avevano inserito già nel loro calendario degli eventi", continua Lorenzo. Ma il telefono della Fondazione Pini intanto ha smesso di squillare e nessuno più rispondeva alle mail. Così il 16 dicembre si è presentato di persona, in Corso Garibaldi. "È chiuso. Non si è visto più nessuno", gli ha risposto il portinaio. Dei soldi - che sarebbero serviti a coprire tre, quattro mesi di progetto - nulla. Lui è partito lo stesso, attende da lì che qualcosa si sblocchi.

 "Al mattino lavoro a distanza per l’associazione di Milano, il pomeriggio faccio baby-sitting in inglese a bambini di 5 e 7 anni, è stato faticoso riuscire a crearmi una rete di contatti – racconta –. Ma avevo organizzato la mia vita per rimanere qui in questi mesi, non so cosa fare adesso e se altri giovani ricercatori siano nella mia situazione". I nomi dei vincitori non sono mai stati pubblicati. "Spero ancora – confessa – come lo spera il centro culturale marsigliese, che la situazione si sblocchi in primavera".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?