"Mani legate dai ricorsi degli esercenti"

BASIGLIO Il Comune del Sud Milano è senza dubbio tra quelli più impegnati per arginare gl...

Il Comune del Sud Milano è senza dubbio tra quelli più impegnati per arginare gli spari notturni soprattutto durante l’anno. Essendo al confine con Rozzano di riflesso vive tutti i festeggiamenti molto frequenti nella città vicina oltre a quelli organizzati dai basigliesi stessi per celebrare compleanni, onomastici, anniversari, matrimoni o lauree. L’amministrazione comunale ha fatto installare sul territorio una serie di cartelli dove è indicato il divieto di usare fuochi artificiali e articoli pirotecnici anche di libera vendita. I trasgressori saranno puniti come previsto con sanzioni che vanno dai 35 ai 220 euro. E qualche sanzioni è anche stata elevata quando gli “sparatori“ vengono beccati, cosa ovviamente difficile in quanto questi festeggiamenti, come quelli del 31 dicembre, spesso avvengono a cavallo della mezzanotte. "Le ordinanze lasciano il tempo che trovano – spiegano però dal Comune – perché arrivano ricorsi dei venditori dei fuochi artificiali. E negli anni scorsi anche la prefettura aveva invitato alla prudenza sulle ordinanze". Insomma fino a quando i fuochi artificiali saranno in libera vendita, chi li acquista si sente autorizzato a usarli e in caso di sanzioni ricorre in giudizio. Mas.Sag.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro