Quotidiano Nazionale logo
16 feb 2022

La Ztl non perdona, in un anno 5mila multe

I varchi elettronici del centro nel 2021 sono stati attivi pochi mesi e solo nei fine settimana: record di 70 contravvenzioni in un giorno

francesco pellegatta
Cronaca
«La maggior parte dei multati non risiede ad Abbiategrasso» ha sottolineato l’assessore Bernacchi
«La maggior parte dei multati non risiede ad Abbiategrasso» ha sottolineato l’assessore Bernacchi
«La maggior parte dei multati non risiede ad Abbiategrasso» ha sottolineato l’assessore Bernacchi

di Francesco Pellegatta Una Ztl letale (per il portafogli). Sono 4.965, 1100 in più rispetto all’anno precedente, gli automobilisti che nel 2021 hanno ricevuto una multa per essere transitati attraverso i varchi della Zona a Traffico limitato situata nel centro di Abbiategrasso. Se a questo dato si aggiunge il fatto che normalmente la Ztl funziona solo nei weekend (e nemmeno a tutte le ore) e che nel 2021 è rimasta attiva per soli sei mesi, si ottiene un numero di contravvenzioni che si aggira intorno alle 70 al giorno, più di una all’ora, con una crescita vicina al 30% rispetto al 2020, il quale pure aveva risentito del lockdown. Perché questi numeri? Ha provato a fornire una risposta l’assessore alla Sicurezza di Abbiategrasso, Alberto Bernacchi, che in questi giorni ha diffuso i dati sull’attività della Polizia locale nei due anni di pandemia: "La maggior parte degli automobilisti multati non è di Abbiategrasso – ha precisato Bernacchi -. Probabilmente i lavori per ripristinare le fognature in viale Dell’Uomo e viale Manzoni hanno spinto qualcuno a passare per il centro, mentre il fatto di aver spento e riacceso più volte la Ztl deve aver creato un po’ di confusione. Metteremo mano alla segnaletica ma le modifiche sono state man mano comunicate con chiarezza dal Comune e i varchi sono ben visibili". Ztl a parte, il 2020 e i 2021 sono stati anni di cambiamenti al comando abbiatense, sia per l’incremento del personale che per l’implementazione della dotazione tecnologica: "E tutto questo ha fatto la differenza – continua Bernacchi -. I mezzi tecnici che gli agenti possiedono oggi permettono maggiore precisione nello svolgere i servizi e, in alcuni casi, influiscono sui numeri. L’anno scorso sono state 8.404 le infrazioni rilevate a fronte delle 6.285 del 2020; 217 gli accertamenti ambientali (+ 74 rispetto al 2020, ndr) ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?