La Quadreria Crivelli fra gli otto nuovi musei col bollino della Regione

La Regione Lombardia ha riconosciuto 8 nuovi musei, tra cui la Quadreria Crivelli di Trezzo, con tesori come la Madonna con Bambino di Bernardino de’ Conti e l'ecomuseo Adda di Leonardo. I musei lombardi salgono a 201, gli ecomusei a 36. Un'occasione per incentivare tradizione e innovazione.

Fra gli otto nuovi musei riconosciuti dalla Regione ci sono anche tre chicche di casa: la Quadreria Crivelli di Trezzo, vetrina-bomboniera e i suoi tesori, la Madonna con Bambino di Bernardino de’ Conti, allievo di Leonardo, e il bozzetto "L’elemosina di San Tommaso di Villanova", attribuito da Vittorio Sgarbi a Luca Giordano, e i due ecomusei, Martesana e Adda di Leonardo, stanze all’aperto amatissime dal pubblico. Grazie alla regia del Pirellone gli scrigni potranno fregiarsi di un logo che li inserisce in un circuito ampio e godere di un ventaglio di opportunità per potenziare visitatori e servizi. Con questa tranche di ingressi i musei lombardi salgono a 201, gli ecomusei a 36. "Numeri importanti - dice l’assessore regionale alla partita Francesca Caruso - che dimostrano quanto siano preziosi e nutriti questi beni radicati nel nostro territorio. I musei sono presidi fondamentali". "Proprio per incentivare un connubio più forte tra tradizione e innovazione - aggiunge - sono state messe in campo misure significative con l’obiettivo di sostenere istituti e luoghi della cultura e favorire così nuove competenze e un ripensamento delle attività da sviluppare in chiave innovativa". La finalità di un Ecomuseo "è raccogliere, conservare e valorizzare le eredità e gli elementi di identità di un’area fra storia, persone, luoghi, tradizioni, arti e mestieri". Ed è esattamente quello che succede in questo spicchio di hinterland. Dalle favolose centrali Esterle e Bertini, allo Stallazzo, passando per la Rocchetta fra vestigia romane, macchie di vegetazione e cascate, amate dai canoisti. Gli sfondi sono ancora quelli del fiume che i critici intravvedono nella Vergine delle Rocce e nella Gioconda, il grande genio del Rinascimento abitò qui per sei anni a inizio Cinquecento. Un mistero senza fine che gli appassionati possono godersi in totale autonomia. La gita fai da te è sempre molto gettonata fra borghi millenari, come Albignano, a le alzaie del Naviglio. Bar.Cal.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro