Quotidiano Nazionale logo
31 mar 2022

La Digos di Milano arresta terrorista internazionale pronto a fabbricare ordigni esplosivi

Il 43enne era membro del gruppo Its, responsabile di oltre 100 attentati nel mondo che hanno provocato sette morti e dodici feriti

Anarchico, sovversivo, con il reddito di cittadinanza: � il ritratto, cos� come tracciato dagli investigatori, di F.B., il quarantasettenne torinese arrestato oggi dopo un'indagine della Digos di Milano con l'accusa di essere legato alle Its, rete di cellule terroristiche che si sono rese autrici di una catena di attentati in America Latina, negli Stati Uniti e in alcuni Paesi europei, 31 marzo 2022.  ANSA / Polizia di Stato  +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Alcuni membri dell'organizzazione terroristica Its

Milano - Un uomo che si ipotizza componente dell’organizzazione Its (Individualistas Tendiendo a lo Salvaje), formazione nata in Sud America e «ritenuta dagli inquirenti responsabile di oltre 100 attentati in diverse parti del mondo», è stato arrestato stamani a Torino. Lo ha comunicato la Questura di Milano. L’indagato è stato arrestato dalla Polizia di Stato su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Torino, su richiesta della locale Procura, e nei suoi confronti si ipotizza il reato di associazione con finalità di terrorismo. L’operazione è stata condotta dalla Digos di Milano e dal Servizio per il Contrasto dell’estremismo e del terrorismo interno.

Il 47enne torinese arrestato dalla polizia e accusato di partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo in un gruppo i cui militanti si sarebbero resi autori di attentati a persone e strutture ritenute simbolo della civilizzazione (università, apparati di comunicazioni, mezzi di trasporto e anche chiese). In particolare, sono stati raccolti “gravi indizi” che, secondo la valutazione cautelare del gip di Torino consentono di riferire al gruppo, nato in Sudamerica nel 2011 e propagatosi poi anche in Europa (Spagna, Grecia e Scozia), oltre 100 attentati in diversi parti del mondo - Messico, Argentina, Brasile, Cile e Stati Uniti - che hanno causato la morte di 7 persone ed il ferimento di altre 12. 

L'arrestato in una foto della polizia
L'arrestato in una foto della polizia

L’indagato, in base a quanto accertato dalla polizia, “avrebbe tenuto condotte concrete di condivisione ideologica delle finalità dell’associazione, svolgendo un ruolo determinante nella diffusione delle attività compiute dal sodalizio e partecipando all’associazione con comportamenti significativi sul piano materiale”. Gli approfondimenti da parte degli uomini della Digos di Milano e Torino - particolarmente difficoltoso per l’utilizzo di mezzi di comunicazione crittografati - sono stati eseguiti supportati da attività di intercettazione sperimentali e tradizionali servizi di pedinamento e hanno permesso di riscontrare “il confezionamento da parte dell’indagato torinese di ordigni esplosivi, poi non costruiti proprio grazie alla tempestiva attività d’indagine”. 

Contestualmente è stato eseguito il sequestro preventivo di un sito web. L’indagine iniziata nel 2018 ha consentito, nell’ipotesi accusatoria, di raccogliere “gravi indizi del fatto che l’indagato sarebbe il fondatore del sito web www.maldicionecoestremista.altervista.org che avrebbe poi amministrato unitamente ad altri quattro soggetti residenti in Sud America e attraverso il quale venivano rivendicati e pubblicizzati gli attacchi del gruppo”. 

L’arrestato risulterebbe essere anche l’amministratore di una virtual machine attestata sul dark web che avrebbe consentito “agli altri quattro sodali di collegarsi al sito mantenendo l’anonimato”. A conferma della dimensione sovranazionale dell’indagine e del ruolo di primo piano che si ritiene essere stato rivestito dall’indagato piemontese, lo scorso 16 marzo due cittadini argentini, “ritenuti membri dell’organizzazione Its, sono stati tratti in arresto dalle autorità di quel Paese proprio grazie alle evidenze investigative emerse nell’ambito dell’indagine italiana e partecipate con apposita rogatoria agli inquirenti argentini”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?