Gelsi d’oro 2024: "Pace e sviluppo per la comunità"

A Cernusco sul Naviglio si celebrano i Gelsi d'oro 2024, premiando l'eccellenza locale come il parroco don Giampiero Alberti e la famiglia Tresoldi del judo. Emozioni e riconoscimenti per coloro che contribuiscono a rendere la comunità migliore.

Da don Giampiero Alberti (nella foto), il parroco che per 50 anni ha portato volontari in Medio oriente, agli Scout, alla famiglia Tresoldi che ha fondato il judo in città, al padre del tempo libero Fedele Melzi, fino alla memoria di Lucio Assi, presidente dell’Azione cattolica di casa. Il merito in passerella, ecco i Gelsi d’oro 2024, Cernusco premia l’eccellenza. Il 14 marzo la serata di gala alla Casa delle arti, ma i nomi sono già stati ufficializzati dal Comune.

"Per le vicissitudini legate alla mia salute, purtroppo, quest’anno non ho potuto partecipare ai lavori della commissione guidata al mio posto dal vicesindaco Marco Erba – dice il sindaco Ermanno Zacchetti –. Farò di tutto per essere alla cerimonia di consegna. È sempre emozionante ringraziare chi ha scelto di mettere a disposizione le proprie energie per rendere migliore la nostra comunità. L’appuntamento aprirà la nostra fiera di San Giuseppe arrivata al 101esimo compleanno". Commozione anche per i benemeriti, a partire dal sacerdote che "ha fatto crescere il seme dell’inclusione, del dialogo, dell’accoglienza": questo l’elogio per don Giampiero che nel 1969 fondò Imo, Impegno Medio Oriente, e "ha legato la propria vita a quei luoghi per avvicinare culture e religioni diverse". Il cardinal Martini gli affidò il compito di seguire il dialogo interreligioso con l’islam e il buddismo inviandolo a Roma e ha collaborato con la Cei sui rapporti con la Terrasanta. Poi ci sono gli Scout "una realtà educativa importante dal 1996", Fedele Melzi, "l’instancabile animatore della città" e i Tresoldi, marito, moglie e figlio che credono che il judo, sia il mezzo per prevenire il disagio dei ragazzi e fanno tutto gratis. Infine, un tributo all’indimenticabile Lucio Assi, che "ha guidato generazioni di giovani all’impegno sociale". Bar.Cal.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro