Ex Palasharp. Ticketone decade. Palla ai Cabassi

Ticketone-Mca Events è decaduta dal bando per ristrutturare l'ex Palasharp a Milano. Il Comune chiederà a Forumnet di realizzare i lavori.

La telenovela ex Palasharp registra una nuova puntata: Ticketone-Mca Events decade dal bando per ristrutturare l’impianto e il Comune chiederà al secondo classificato della gara, Forumnet (gruppo Cabassi) di realizzare i lavori. Parliamo dell’ex palazzetto dello sport di Lampugnano che avrebbe dovuto essere ristrutturato per ospitare le gare di hockey su ghiaccio femminile alle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 e che invece è ancora lì, rudere dismesso dal 2012, e non ospiterà le partite dei Giochi perché gli extracosti per realizzare il restyling avevano portato il budget delle opere a 40 milioni di euro, più del doppio rispetto alle stime iniziali. Sfumato il sogno olimpico, l’assessorato allo Sport guidato da Martina Riva (nella foto) ha chiesto a Ticketone-Mca Events di ristrutturare l’ex Palasharp riprendendo in mano il progetto pre-olimpico, quello senza le modifiche strutturali che hanno provocato gli extracosti. Ma la risposta del privato è stata negativa. Ticketone-Mca Events ha negato a Palazzo Marino anche l’accesso alla documentazione progettuale richiesta.

Dall’assessorato allo Sport, intanto, sintetizzano così la posizione dell’amministrazione: a seguito degli extracosti non previsti in sede di gara, è venuta meno la convergenza tra le parti sull’aspetto economico dell’operazione. Verranno adesso valutati altri possibili sviluppi, fermo restando che permane l’interesse della Giunta ad una riqualificazione del Palasharp con funzioni sportiva e concertistica. Il prossimo passo è chiedere a Forumnet di realizzare il restyling. Problemi legali o ricorsi permettendo.

Massimiliano Mingoia

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro