Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 gen 2022

Segrate, allarme medici di famiglia: via alla raccolta firme in farmacia

A San Felice si protesta contro la penuria di camici bianchi. Chi soffre di più sono gli over 60

20 gen 2022
barbara calderola
Cronaca
La raccolta firme in farmacia per chiedere all’azienda sanitaria un altro medico di famiglia
La raccolta firme in farmacia per chiedere all’azienda sanitaria un altro medico di famiglia
La raccolta firme in farmacia per chiedere all’azienda sanitaria un altro medico di famiglia
La raccolta firme in farmacia per chiedere all’azienda sanitaria un altro medico di famiglia

di Barbara Calderola Ottomila residenti, 60 negozi, 4 scuole più un liceo "e solo un medico di famiglia a tempo pieno e uno presente nel quartiere 2 giorni a settimana per poche ore. Non bastano", protesta a San Felice contro la penuria di camici bianchi che "pesa sugli over 60 costretti a trasferte a Segrate o a Pioltello o a Peschiera, il quartiere insiste su tutti e tre i comuni. Una situazione che ha spinto gli abitanti a organizzare una raccolta firme in farmacia da spedire ad Ats e all’ordine professionale. L’iniziativa "è una preghiera di intervento". Una lamentela con stile, ma non per questo meno efficace. Tutti sanno che il problema riguarda l’intero hinterland e in particolare il bacino Melegnano-Martesana, secondo il Comitato Salute della zona infatti, "in questo pezzo di provincia sono scoperti 90mila pazienti", "ecco perché non possiamo rinunciare a fare sentire la nostra voce". Fra le prime ad aderire c’è Cristiana, figlia di Fioravante Pisani, il primo medico condotto del rione negli anni Settanta, scomparso nel 2018. "Chi può cambiare le cose dovrebbe ricordarsi che per i malati il medico di famiglia è il primo punto di riferimento, il volto amico spesso insostituibile anche quando poi gli accertamenti portano altrove". "Il mestiere è cambiato, mi preoccupa anche il fatto che pochi giovani pensino a questa specialità oggi percepita come qualcosa di burocratico, freddo, lontano. Ricordo che a casa mia, da bambina, il telefono cominciava a squillare alle 7 del mattino e papà prendeva la borsa e correva. Allora non c’erano segretarie e appuntamenti, i dottori facevano tutto da soli. Il medico era anche un confidente, curava tutti in famiglia, compresi i bambini. I pediatri non erano contemplati". Adesso invece nella frazione gli anziani sono spesso costretti a spostarsi per farsi prescrivere i medicinali "ma non tutti possono farlo", ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?