Quotidiano Nazionale logo
20 mar 2022

Dopo 4 anni di attesa a Colturano riapre uno sportello bancomat

Sarà della Banca di credito cooperativo Laudense di Lodi. Lo chiedevano da tempo i cittadini, costretti a spostarsi in altri centri

Dopo quasi 4 anni di attesa Colturano avrà nuovamente uno sportello bancomat, un servizio a lungo atteso dai cittadini che erano costretti a recarsi in altre città dopo la chiusura dell’unico sportello bancario di prossimità offerto da Banco Bpm. Al termine di un lungo lavoro preparatorio, l’accordo è stato finalmente raggiunto fra l’amministrazione comunale e gli organi apicali della Bcc Laudense di Lodi, con grande gioia del sindaco Giulio Guala. "Era un impegno preso in campagna elettorale – ha spiegato – dopo che, ancora come semplici cittadini, avevamo contattato la banca e avevamo potuto constatare il reciproco interesse a realizzare un presidio di servizi bancari in città. Purtroppo l’arrivo della pandemia ha complicato notevolmente le cose e le trattative hanno gioco forza subito un rallentamento che ci è stato rimproverato fin troppo duramente dall’opposizione. Ora con la ripartenza siamo felici di poter mantenere la nostra promessa e di consegnare ai nostri concittadini un servizio molto sentito. Lo sportello sarà ubicato in uno spazio pubblico in pieno centro paese, stiamo ultimando la definizione degli aspetti prettamente pratici e contiamo nell’arco di un paio di mesi di poter inaugurare lo sportello".

Massima soddisfazione è stata espressa anche da Alberto Bertoli, presidente dell’istituto di credito: "Abbiamo risposto all’appello del sindaco – ha dichiarato – per poter dare un servizio di base ma essenziale quale una postazione bancomat in un paese che ne è privo. Oltre all’attenzione nei confronti delle municipalità, la scelta di portare un bancomat Bcc Laudense a Colturano risponde anche alla strategia dell’istituto di crescere nel Sud Milano, sempre guardando alle effettive ricadute positive che si possono apportare alle comunità locali".

Valeria Giacomello

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?