Carabinieri nella palazzina dove è stato trovato il cadavere
Carabinieri nella palazzina dove è stato trovato il cadavere

Milano, 29 marzo 2019 - Sdraiata sul letto con la faccia all’ingiù. Senza vita. Nell’appartamento, gocce di sangue ovunque. Mistero sulla morte di una donna cinese di 54 anni trovata cadavere ieri poco prima delle 13.30 dalla sua coinquilina, connazionale e coetanea, nel loro alloggio al piano terra di via Esterle 29 a due passi da via Palmanova, a Milano.

É stata proprio la coinquilina a dare l’allarme e a far arrivare sul posto i carabinieri che ora stanno indagando per fare luce su questo decesso. Le tracce di sangue aprono la pista dell’omicidio, nonostante la donna non presentasse segni evidenti di violenza. Ma tutte le ipotesi restano aperte: dal suicidio, alla eventuale morte naturale per un malore improvviso. Al momento non ci sono elementi chiari che facciano propendere per un’ipotesi o per l’altra, tutto resta possibile. La casa era in ordine e non sono stati trovati segni di colluttazione o di furto, né altri elementi utili a capire, nell’immediatezza, cosa sia successo. L’unica certezza è il racconto della coinquilina: torna a casa all’ora di pranzo e trova la sua amica senza vita, sul letto, col volto verso il basso e gonfio. Chiama subito aiuto. In via Esterle arrivano i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia Porta Monforte, poi la Squadra rilievi e il medico legale. Le gocce di sangue sul pavimento lasciano pensare a una morte avvenuta per una causa violenta ma non viene escluso nulla. Misteriosa anche la vita della donna: al momento non si sa se aveva un lavoro né come trascorreva le sue giornate.

Stava spesso in casa? Riceveva visite frequenti? Una 54enne che era a Milano regolarmente, con permesso di soggiorno valido, senza precedenti penali. Sotto la lente dei carabinieri ora c’è la vita di questa donna di origini straniere che viveva in una palazzina dignitosa in zona via Palmanova, vicino anche a via Padova, con appartamenti distribuiti su 5 piani e negozi affacciati sulla strada. Una situazione uguale a quella di migliaia di altre donne a Milano. L’appartamento è stato sequestrato e il pm di turno ha disposto l’autopsia: dagli esiti si potrà capire quale sia stata la causa della morte, ma ci vorranno alcuni giorni. I vicini di casa sono sconvolti: «Non mi capacito - racconta una residente del terzo piano -. Non la conoscevo bene, era molto riservata, lei abitava al piano terra e io sono al terzo. Mi capitava di incontrarla a volte nell’androne del condominio: mi salutava e mi sorrideva sempre dandomi il buongiorno. Era una persona tranquilla. Sembrava una persona gioiosa, non era per niente un’attaccabrighe. Non so però che lavoro facesse. So che pagava regolarmente l’affitto. Mi dispiace tanto per la sua morte: una fine orribile, ancora avvolta dal mistero.