Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

Donna colta da un infarto sull’aereo

È salva grazie al tempestivo intervento di due infermieri professionisti magentini e all’uso del defibrillatore

Trovarsi a fronteggiare un arresto cardiaco ad alta quota. Su un aereo che si stava preparando per la fase di atterraggio. Fortuna vuole che sul volo Wizzair Tirana - Bergamo Orio al Serio di domenica scorsa c’erano anche Marco Ferrantino e la compagna Denisa Boci, entrambi infermieri professionali. Vivono tra Magenta e Milano e lavorano con tanta passione, ma mai si sarebbero aspettati di sentire lo steward che chiedeva urgentemente la presenza di un medico o di un infermiere perché una donna aveva avuto un grave malore durante quelle due ore di volo che separano la capitale albanese dall’aeroporto di Bergamo. "Ci siamo avvicinati subito scoprendo che quella donna non aveva né circolo né respiro – ha commentato Ferrantino – Abbiamo avviato immediatamente le manovre rianimatorie con l’uso del Dae, aiutati dal personale di bordo. Al secondo ciclo di manovre la signora ha ripreso a respirare".

Una situazione drammatica che avrebbe potuto portare alla morte della poveretta, ma che si è calmata grazie alla preparazione dei due infermieri intervenuti immediatamente. Mentre loro rianimavano la signora il capitano procedeva ad allertare i soccorsi a terra che, al momento dell’atterraggio, erano già pronti ad evacuare in ospedale la donna con un’ambulanza. Una signora che soltanto tre giorni prima, mentre si trovava in Albania, era stata colpita da ictus. I parenti avevano scelto di trasferirla in Italia perché in Albania le strutture sanitarie non sono adeguate. Di certo l’ictus ha avvantaggiato l’arresto cardiaco che l’ha sorpresa mentre si trovava in aereo. G.M.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?