Lo scrittore Andrea G. Pinketts con Alexia Solazzo (Newpress)
Lo scrittore Andrea G. Pinketts con Alexia Solazzo (Newpress)

Milano, 18 gennaio 2018 - Andreagipinketts! Per mi, on nomm pussè milanes de quest chi el gh'è no. Proeuva a dill Uei, Pinketts, te ghe set Voeuri parlà de ti. Me piasaria fa on progett cont on scultor per 'na bella statoa de bronz. Invece de la statoa del Paolo Incioda, come la farsa del Ferdinando Fontana, la statoa del GiPinketts. Da quanti ann se conossom Prima se trovavom in di television privàa (Telereporter, Antenna tri, Telenova) a propagandà ti i to' liber e mi i me. Peu on bel dì, gestivi allora el teater Ariberto, me vegn in ment de mett in scena ona commedia de Scespir (Shakespeare), ona de quej commedi d'avventura cont el final dolz e minga la solita tragedia. Pericle principe di Tiro. Uei, gh'era 'na part che savevi no a chi dàlla. Ghe voreva on attor autorevol che menass in port l'intera storia. Mia miè, Grazia Maria Raimondi, occupada allora nell'organizzazion del teater la m'ha dit “perché non telefoni a Pinketts”.

Uei, l'hoo faa. La prima risposta l'è stada, cont la vos stentorea che la te caratterizza, ona vos che on attor se la sògna perché l'è natural de stomegh (di petto), “ma io non sono un attore”. E mi gh'hoo dit. “Ti t'el set no, ma nel to' profond te set pussè che on attor. Basta guardat come te parlet, come te se fet scoltà dal pubblic, come te cambiet inflession, come te reagisset quand on quaivun el te dà contra, come te moeuvet i brasc, come te sgambet dominand chi te stà intorna. Alter che attor.” E ti ancamò in on ultima valorosa difesa per di de no a la mia proposta “No. Non ce la farò mai. Si trattasse di cinema. Ma a Teatro. Lo farei solo…” El cominciava a mollà. Vedevi ona scintilla de interess. “… solo ” “… solo se mi facessi recitare dalla platea…” Ormai l'era me, del teater e della commedia “ Ti te saret in sala. La toa part l'è prevista inscì. Ona specie de narrator che tira i fil di avveniment che imperversen su tutti i attor. Ti te cuntaret la storia de Pericle e de i disgrazi sovruman che ghe capiten fina a la fin quand el ciel, cont la soa benedizion, el tira i rèmm in barca. E chi l'è quel ciel Ti. Perché la vicenda l'è in la toa... come dis Dante Alighieri ” el me interromp cont ona ridada “...Loquela” . L'era me. Podevi fa' de lu quel che vorevi. ME SONT accort depeu che l'era minga vera. Innazitutt l'ha refudà de mettes la tunica bianca, peu l'ha vorsù on leggio cont a fianc ona riserva de birra, poeu l'ha comincià a dì che l'avaria improvvisà e a la fin l'ha vorsù dì quel che ghe pareva, minga da attor, ma da scrittor. L'è vegnù foeura on rifaciment de la commedia, per quant riguardava la soa part, che l'era sul fil del rèsò perché invece de cuntà la storia, la commentava, la criticava, el faseva ona lezion interpretativa che anticipava el quader successiv. On battitore libero ma osservant de quell che saria succes in scena depeu i so' intervent. Da allora ogni volta che se troeuvom ai so' o a i me presentazion el proclama che mi s'eri reussì a fa' de lu on attor e che lù l'ha migliorà Scespir.

Tutta 'sta storia per dì che questi caratteristich mi i 'u trovà nel so' ultim liber intitolà “Sangue di yogurt”. Trii story che pussè original e matt podeven minga vess e ona quarta, curta rispett ai alter, ma cont ona intensità forte e decisa. Gh'hoo miss on po' a orientamm, a entrà ne la soa scrittura, ma ona volta ciappàda, che degustazion! come cont on bon caffè! Perché propri de degustazion la se tratta. Assaporà pagina per pagina la storia, che la ven foeura minga de colp ma a tocchelin.

El primm l'è on giall, pussè che giald l'è ner, negher, noir. Quand el m'ha telefonà per invidamm a ona conferenza el m'ha domandà se gh'avevi ricevù el liber da l'editor. Avevi giamò leggiù la prima storia. Gh'hoo dit: “ Per mi Mike Spillane l'e' on dilettant. Ti te set no come lu. A l'è Mike Spillane che el someja a AndreaGiPinketts. T'è capii Ti te scrivet cont el sfottò incorporà. Te se toeut in gir perfinna nel bev, e chi te cognuss el sa quel che voeuri dì. L'è per quell che, tornand all'inizi dell'articol, voraria trovà on scultor che el te fasess ona statoa de bronz da mett a fianc del Napoleon cont i ciapp al vent nel cortil de Brera. Lu ch'el sembra ona Maja desnuda, ti col to' cappel de esplorador che te guardet in d'ona tazzona de birra intanta che te scrivet a man paroll colorà de ner, pardon, de noir.

E se gh'è on quaivun che el s'è minga accort del to' umorismo, basta ripetigh i nomm del second raccont: Dhemingway, Docky, Dayana, Deinstein, , Dambo, Dhulk, Duckenegger, Dino Ullallah. E ona massima rilevada a pag. 143. “Non vi proibiranno niente perché sanno che appena una cosa è proibita, ci sono le code, le file per iscriversi a farla”. Mi me accontentaria che ghe fudess gent in fila in di librerii per comprà 'sta geniada de liber che el te propon come terza storia on thriller con protagonista on riccio innamorà de ona donna. Ve anticipi el final degn de on Nobel. “ … all'uscita della discoteca Silvia (la donna) si rivolse a Fred (il riccio) «Sai che non ti ho mai dato un bacio Corre voce che se dai un bacio al rospo giusto, si tramuta nel principe azzurro. Proviamo » «Fai di me quello che vuoi» Silvia baciò Fred. Fred si tramutò in un rospo. (la copertina del liber l'è on olio su tela de Alexia Solazzo)