Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 giu 2022

Covid, la battaglia di 600 famiglie: chiesti danni per 160 milioni di euro

Il ricorso collettivo per accertare le responsabilità civili delle istituzioni per i morti nei primi mesi del 2020. L’udienza fissata per gennaio 2023, quando saranno trascorsi tre anni. "Non dimenticate le vittime"

13 giu 2022
andrea gianni
Cronaca
La terapia intensiva di un ospedale
La terapia intensiva di un ospedale
La terapia intensiva di un ospedale
La terapia intensiva di un ospedale

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Milano - ​Al nucleo iniziale di famiglie che hanno perso genitori, figli o parenti stretti se ne sono aggiunte tante altre, fino ad arrivare a un totale di 600. E la richiesta di risarcimento dei danni non patrimoniali, avanzata nei confronti di Governo, ministero della Salute e Regione Lombardia, ha raggiunto una cifra da capogiro: 160 milioni di euro per "inadempienze ed errori" nella gestione della pandemia, quando prima in Lombardia e poi in tutta Italia è dilagato il contagio. L’emergenza sanitaria ha lasciato uno strascico giudiziario con un maxi-ricorso collettivo davanti al Tribunale di Roma che, se accolto, potrebbe tradursi in una stangata senza precedenti per le istituzioni in campo nei primi mesi del 2020. Alla base c’è un lavoro certosino per raccogliere le testimonianze di chi ha perso i propri congiunti dopo infinite sofferenze in casa, negli ospedali o nelle residenze sanitarie per anziani. E più in generale una battaglia per "non dimenticare" le vittime della pandemia, e per imparare dagli errori del passato. Il ricorso, però, deve fare i conti anche con i tempi lunghi della giustizia. La prossima udienza è stata fissata per il 25 gennaio dell’anno prossimo, quando la causa dovrebbe entrare nel vivo. Nel frattempo i legali delle famiglie e i consulenti stanno lavorando a una corposa relazione tecnica, e hanno messo sul tavolo un faldone di documenti di oltre duemila pagine, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?