Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 giu 2022
13 giu 2022

Camorra, il capo clan Cosimo Di Lauro morto in carcere a Opera

L'ex reggente di Scampia aveva 49 anni e soffriva di turbe psichiche. Disposta l'autopsia sul cadavere

13 giu 2022
20050122 - NAPOLI - CRO  - CAMORRA : ARRESTO COSIMO DI LAURO, MANDANTE TUTTI OMICIDI SCISSIONISTI -   Cosimo di Lauro, capo dell'omonima banda camorristica catturato la scorsa notte , viene tradotto in carcere dai Carabinieri  oggi  a Napoli. . Cesare Abbate / ANSA / DEF
Cosimo Di Lauro
20050122 - NAPOLI - CRO  - CAMORRA : ARRESTO COSIMO DI LAURO, MANDANTE TUTTI OMICIDI SCISSIONISTI -   Cosimo di Lauro, capo dell'omonima banda camorristica catturato la scorsa notte , viene tradotto in carcere dai Carabinieri  oggi  a Napoli. . Cesare Abbate / ANSA / DEF
Cosimo Di Lauro

Milano. 13 giugno 222  - È deceduto, nel carcere di Opera, a Milano, l'ex reggente del clan Di Lauro, Cosimo Di Lauro, che nella struttura penitenziaria milanese era detenuto in regime 
di 41 bis dopo la condanna all'ergostolo per più omicidi. Secondo quando si è appreso sarebbe stata disposta l'autopsia. Cosimo, in carcere dal lontano 2005, era figlio di Paolo Di Lauro, capo clan dell'omonima organizzazione camorristica di Secondigliano, e fratello di Marco, anche lui detenuto in regime di carcere duro, in Sardegna. Cosimo, 49 anni, era ritenuto dagli inquirenti della DDA di Napoli colui che diede vita alla prima faida di Scampia che provocò un centinaio di morti. 

Morte improvvisa

A ricevere per primo l'annuncio della sua scomparsa l'avvocato difensore Saverio Senese.  Una comunicazione secca: "Suo assisitito è deceduto". Ignote le cause del decesso, per questo sarà necessaria l'autopisa. La difesa aveva chiesto piu' volte una perizia su Lauro per turbe psichiche sospette. Lo stato di salute mentale del boss napoletano sarebbe stato compromesso da tempo: per i suoi legali era ormai diventato impossibile rapportarsi con il loro cliente. Rifiutava di partecipare agli incontri e rifiutava le notifiche. Da qui l'istanza, sempre rigettata, per una perizia finalizzata a valutare la sua capacità di intendere e di volere

L'ergastolo

Lauro è stato ritenuto colpevole di numerosi omicidi: è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di Massimo Marino, cugino del boss Gennaro Marino, detto Mckay, quest'ultimo ritenuto il braccio destro del capoclan Paolo Di Lauro. Gennaro Marino, secondo le indagini non accettò mai che Paolo Di Lauro avesse lasciato la guida del criminale nelle mani del figlio Cosimo. Fu proprio questa decisione ad avviare la lenta scissione che vide coinvolti i gruppi Abbinante, Abete, Amato (famiglia che si era trasferita ormai in Spagna per sfuggire alla guerra) e il gruppo Pagano. Secondo le cronache dell'epoca Cosimo diede il via alla prima sanguinosa faida di Scampia dopo il duplice omicidio di due killer che fece emergere il tradimento di Gennaro Marino. Il reggente del clan ordino l'epurazione completa degli scissionisti e in particolare della famiglia Marino. Oltre che per l'omicidio di Massimo Marino, Cosimo è accusato di essere il mandante anche dell'assassinio di Carmine Attrice la cui discussione della difesa è fissata per il prossimo 21 giugno dinnanzi la seconda sezione della Corte di Assise di Napoli.

In tutti i processi che si sono celebrati dal 2005 in poi è stato chiesto  di verificare la capacità dell'imputato di intendere e di volere e la capacità di stare in giudizio, richiesta della difesa che è sempre stata rigettata sebbene dal 2007 Cosimo presentasse, come riportato dalle relazioni presentate, segni di instabilità mentale: pseudo-allucinazioni uditive, reazione depressiva ansiosa e turbe del sonno. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?