ospedale in fiera a Milano
ospedale in fiera a Milano

Milano, 24 novembre 2020 - Ieri, per la prima volta dall’inizio della seconda ondata, i lombardi ricoverati per Covid sono diminuiti non solo nei reparti (era già successo giovedì) ma anche in terapia intensiva: 945, meno quattro da domenica. Ci sono stati altri 140 morti, e più di un terzo, 51, erano del Milanese (che ha poco meno di un terzo dei nuovi contagiati, 1.604 ieri su 5.289 in Lombardia); 25 vittime erano del Varesotto, 20 del Comasco e 18 della Brianza. I ricoverati nei reparti Covid ieri erano 8.331: meno 60, ma è un saldo negativo tra ingressi e uscite perché ieri altri 437 lombardi sono entrati in ospedale per il virus. Dei 9.276 pazienti totali, comprese le terapie intensive, oltre un terzo (3.462) sono in ospedali del Milanese, più di metà dei quali a Milano città.

Ospedali pubblici - l’Asst del Sacco ieri aveva 317 ricoverati Corona, il Niguarda 294, erano 319 tra San Carlo e San Paolo e 178 al Policlinico - e privati: 144 alla clinica Città Studi, 217 all’Humanitas, 231 al San Raffaele e altri 135 al Policlinico San Donato, 192 in MultiMedica tra Sesto San Giovanni e la San Giuseppe. In provincia gli ospedali dell’Asst Ovest Milanese avevano 381 pazienti Covid, quelli della Rhodense 270, quelli della Melegnano-Martesana 198. Erano 1.184 i ricoverati tra Lecco e la Brianza (443 negli ospedali dell’Asst di Monza), e 1.419 tra Como e Varese, di cui oltre un terzo, 576, all’Asst dei Sette Laghi che ha più pazienti Covid dei 496 nelle strutture di Cremona e Mantova. I ricoverati nel Bresciano erano 845, nella Bergamasca 682, nel Lodigiano 194, mentre la provincia di Pavia (settima per popolazione e quartultima per nuovi contagiati, 85 ieri) ne accoglie da sola 762.

La geografia dei gravi, i 945 in terapia intensiva, ne vede 117 in Insubria, 98 tra Lecco e Brianza, ben più di un terzo nel Milanese: 385, il 60% in città. A ricoverarne di più è la Fiera di Milano, 63 ieri (e il Policlinico ne aveva altri 25 dentro le mura); seguono il Papa Giovanni di Bergamo (62 tra Fiera e ospedale), il San Matteo di Pavia con 54, l’Asst di Monza con 47, il Sacco di Milano con 44, l’Asst Lariana con 42.