NICOLA PALMA
Cronaca

Natale, stretta sui controlli anti-spostamenti

Vertice in Prefettura: sorveglianza anche da remoto con le telecamere. Più servizi di controllo nella zona della Stazione Centrale

Polizia in azione a Milano durante l'emergenza Covid-19 (foto repertorio)

Polizia in azione a Milano durante l'emergenza Covid-19 (foto repertorio)

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. 

Milano, 24 dicembre 2020 - Stretta sui controlli per le feste di Natale. Pattuglie delle forze dell’ordine in giro per la città e sorveglianza anche da remoto con le telecamere. L’obiettivo: tenere sotto monitoraggio gli spostamenti all’interno del Comune, per evitare che troppe persone vadano in giro senza giustificato motivo.

Ieri mattina la riunione in videoconferenza del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Renato Saccone, è servita a limare gli ultimi dettagli del piano, sulla base delle norme stabilite dal decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri. Le regole sono chiare. Da oggi al 27, il 31 e il primo, il 2, il 3, il 5 e il 6 gennaio, è possibile spostarsi una sola volta al giorno per far visita ad amici e parenti tra le 5 e le 22 anche in altri Comuni (purché all’interno della Lombardia), con un limite massimo di due persone (sono esclusi dal conto figli minori di 14 anni, disabili e persone non autosufficienti conviventi); dal 28 al 30 e il 4 gennaio, è possibile spostarsi liberamente dalle 5 alle 22 (e raggiungere una sola volta al giorno parenti e amici in un Comune diverso da quello di residenza, purché sia in Lombardia).

Nel corso del vertice, si è parlato anche della situazione della Stazione Centrale, alla luce degli ultimi episodi di microcriminalità e del caso della morte del ginecologo Stefano Ansaldi (che in realtà si sta rivelando un suicidio e non una rapina finita male o un omicidio per motivi personale: alla ripresa post-festività, ci sarà un aumento della presenza di carabinieri e polizia nell’intero quadrante che ruota attorno allo scalo ferroviario.  A proposito di ripartenza, ieri il premier Giuseppe Conte, ospite della trasmissione Porta a Porta ha spiegato che l’obiettivo del Governo è far sì che dal 7 gennaio si possa tornare a «una didattica in presenza almeno al 50%, col massimo di flessibilità per quanto riguarda il sistema integrato: scuola trasporti e via discorrendo»; una percentuale, ha aggiunto il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, destinata ad «aumentare con gradualità».

In realtà, il Dpcm del 3 dicembre parlava chiaramente del 75% degli alunni delle superiori in aula da inizio 2021. E proprio su quel numero si è basata la Prefettura per stilare il piano operativo «Per tornare in classe», studiando un sistema che consenta da subito a 3 ragazzi su 4 di tornare sui banchi. A quanto risulta, è tutto confermato. Fino a nuove indicazioni.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro