Consulta della terza età. La parola passa agli anziani

Assago, protagonisti delle scelte su attività ed eventi

Consulta della terza età. La parola passa agli anziani

Consulta della terza età. La parola passa agli anziani

Promuovere eventi culturali e ricreativi. Agevolare la partecipazione a momenti di incontro, condivisione e scambio. Sono queste le finalità della Consulta terza età, il neonato organismo che ha visto nominare, nel corso di una assemblea cittadina, i componenti scelti tra i candidati della società civile. Mancano gli ultimi dettagli dopodiché la consulta diventerà operativa e gli over 60 avranno la possibilità di diventare protagonisti delle scelte che li riguardano. "Attraverso la Consulta, anche l’attività dell’amministrazione comunale potrà essere più efficace, concreta e in linea con le esigenze di questa importante fascia di popolazione - spiega il presidente del Consiglio Graziano Musella (nella foto) -. La partecipazione dei cittadini nel direttivo va in questa direzione". L’esigenza di costituire la Consulta terza età si è concretizzata quando gli effetti della rivoluzione che ha investito il mondo del volontariato (onlus) sono diventati effettivi e il comitato anziani che gestiva anche il centro ricreativo di piazza Risorgimento ha cessato l’attività. Da allora, piano piano, sono stati introdotti tutti i correttivi possibili per agevolare il popolo della terza età che ad Assago sfiora i 2600 cittadini su un totale di 9300: il centro anziani è stato affidato ad una cooperativa che si occupa di mantenerlo vivo con incontri, momenti ricreativi, sportivi e culturale. Mas.Sag.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro