Colosso rifiuti, volano i conti: "Nessuna stangata in vista"

I rincari non fermano il Cem, 89 milioni di ricavi (+3 ), Fulgione: proviamo a contenere gli aumenti

L’inflazione e i rincari su forniture e prestazioni non fermano il Cem, il colosso dei rifiuti controllato dai 74 Comuni fra Brianza e hinterland cresce anche in una congiuntura che più difficile non si potrebbe. Le prospettive non sono rosee, eppure i ricavi salgono a 89 milioni (+3 milioni), conti in salute per l’azienda che ha appena incassato dai sindaci il "sì" al budget 2024. L’approvazione è arrivata all’unanimità, un segnale importante di fiducia e per il presidente Alberto Fulgione è tempo di impegni: "Nessuna stangata in vista, stiamo provando a contenere gli aumenti a carico dei soci". Un’impresa tutt’altro che semplice come raccontano numeri e strategie alla base del nuovo documento di programmazione finanziaria che pone l’accento "sul contesto regolatorio, recentemente innovato dall’autorità Arera, che sta ridefinendo il sistema di gestione dell’immondizia".

Chiara la linea dei vertici. "Malgrado il quadro complesso, rimane ferma la volontà della governance di evitare rialzi sui servizi di igiene urbana che potrà essere rispettata anche grazie ai segnali confortanti sul fronte Istat, rispetto al quale aspettiamo il dato definitivo di assestamento 2023". In questa prospettiva anche i ricavi sono stati certificati al ribasso, "con la consueta ottica prudenziale". Il budget dell’anno scorso li aveva fissati a 81,5 milioni saliti, poi, nel consuntivo a 86,5 milioni, ora, in previsione sono 89, "cifre che indicano chiaramente la continua crescita", sottolinea il presidente. Sviluppo sostenuto anche da una strategia fatta di nuove adesioni; impianti "per consolidare l’assetto societario"; espansione di Ecuosacco e rinnovo del parco mezzi, "in particolare della flotta delle spazzatrici per una spesa prevista di circa 3,5 milioni e di macchine per la differenziata per altri 940mila euro". "Gli amministratori ci hanno consegnato un mandato pieno in un periodo di cambiamenti normativi delicati - spiega Fulgione -. Un traguardo che evidenzia il clima positivo che ci accompagna frutto anche di risultati che Cem ha raggiunto in questi anni in diversi ambiti. Uno per tutti la raccolta con il sacco tracciabile. Con il nuovo metodo l’indifferenziato è passato da 100 a 50 chili pro capite".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro