Annarosa Racca, 69 anni, è la presidente di Federfarma Lombardia
Annarosa Racca, 69 anni, è la presidente di Federfarma Lombardia
di Massimiliano Mingoia Il candidato sindaco del centrodestra ancora non c’è e uno dei nomi papabili sembra ormai fuori gioco. Parliamo di Annarosa Racca, attuale presidente di Federfarma Milano e Lombardia, che ieri è stata indagata dalla Procura di Torino con l’accusa di diffamazione. La Racca avrebbe creato un falso profilo Facebook per screditare un rivale, il presidente di Federfarma Torino Marco Cossolo, che le contendeva la presidenza nazionale di Federazione di...

di Massimiliano Mingoia

Il candidato sindaco del centrodestra ancora non c’è e uno dei nomi papabili sembra ormai fuori gioco. Parliamo di Annarosa Racca, attuale presidente di Federfarma Milano e Lombardia, che ieri è stata indagata dalla Procura di Torino con l’accusa di diffamazione. La Racca avrebbe creato un falso profilo Facebook per screditare un rivale, il presidente di Federfarma Torino Marco Cossolo, che le contendeva la presidenza nazionale di Federazione di categoria. La numero uno lombarda dell’associazione dei farmacisti avrebbe scritto post contro Cossolo attribuendogli comportamenti che danneggiavo Federfarma. Per fare questo avrebbe rubato una foto da Internet e avrebbe usato il falso nome di Michela Franceschetti, sostenendo di essere una farmacista.

Una brutta storia, ancora tutta da dimostrare nelle fasi giudiziarie successive, certo, ma che mette in cattiva luce il nome della Racca nel momento in cui il leader della Lega Matteo Salvini sta incontrando le persone tra cui scegliere il candidato sindaco del centrodestra da contrapporre al primo cittadino targato centrosinistra Giuseppe Sala. In corsa, a questo punto, restano due possibili candidati civici, il manager Riccardo Ruggiero e il professore della Bocconi Maurizio Dallocchio, e un nome di un politico, il parlamentare di Noi con l’Italia Maurizio Lupi. Salvini, dopo aver incontrato i due nomi in pole position per Roma, cioè la giudice Simonetta Matone e l’avvocato Enrico Michetti, completerà i colloqui con i “papabili’’ milanesi nei prossimi giorni. Non sono escluse sorprese, cioè candidati dell’ultima ora: si parla di un medico chirurgo meneghino che il segretario della Lega potrebbe sondare, ma il nome non è ancora noto.

Sul fronte del centrosinistra, intanto, potrebbe diventare realtà la lista unica dei liberali e dei riformisti a sostegno di Sala. Ieri, infatti, il senatore di Azione Matteo Richetti ha aperto a un cartello elettorale con Italia Viva di Matteo Renzi e con i firmatari di un manifesto per una lista liberalriformista per il sindaco.

Più a sinistra della coalizione di Sala, infine, il candidato di Milano in Comune e di Civica Ambientalista Gabriele Mariani, il consigliere comunale di Milano in Comune Basilio Rizzo e la consigliera comunale del M5S Patrizia Bedori auspicano la creazione di "un terzo polo autonomo" sia dal centrosinistra che dal centrodestra.