Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

"Carlotta ha una sidrome rara abbiamo bisogno del vostro aiuto"

Gennaro Zanfardino, operaio e papà della bimba, lancia una raccolta fondi: in molti hanno già donato

roberta rampini
Cronaca
Carlotta coi genitori: la coppia ha. altri due figli
Carlotta coi genitori: la coppia ha. altri due figli
Carlotta coi genitori: la coppia ha. altri due figli

di Roberta Rampini "A luglio dello scorso anno abbiamo notato che Carlotta aveva un ritardo cognitivo e motorio. Dopo alcune visite e accertamenti le hanno diagnosticato una sindrome estremamente rara, che ancora non ha un nome, ma viene identificata tramite una sigla p.Arg384ter. Le terapie che stiamo facendo sono costose, abbiamo bisogno di un contributo economico, per questo ho pensato di organizzare una raccolta di fondi sulla piattaforma GoFundMe". È il racconto di Gennaro Zanfardino di Garbagnate Milanese, papà di Carlotta, "una bambina di due anni, dolcissima e bravissima". Operaio, la moglie Martina impiegata part time, con altri due figli piccoli di 4 e 7 anni. Quando Gennaro e Martina hanno scoperto la sindrome di Carlotta gli è crollato il mondo addosso. Per loro è iniziato un calvario tra visite mediche e consulenze con specialisti, "ci sono soltanto dodici bambini al mondo che sono affetti della stessa sindrome di Carlotta e la ricerca è ancora in uno stadio iniziale. Questa sindrome porta a un ritardo psicomotorio e a disordini dello sviluppo neurologico. Abbiamo dovuto imparare a interpretare espressioni e gesti di nostra figlia, quando vuole qualcosa lo indica e poi sorride, se non lo vuole volta la testa in modo brusco - racconta papà Gennaro -.Ci sono terapie di psicomotricità che possono migliorare la sua condizione, ma con la sanità pubblica le liste d’attesa sono lunghissime. Non possiamo aspettare se vogliamo evitare che Carlotta peggiori, quindi abbiamo deciso di farle privatamente, ma hanno un costo importante che mette a dura prova le finanze della nostra famiglia". Carlotta è seguita da uno studio di Milano, una-due volte alla settimana, tra poco dovrebbe iniziare anche un percorso con una logopedista, altro costo che andrà ad aggravare il bilancio famigliare. "Ormai la fase della vergogna l’abbiamo superata, non nascondo che le terapie di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?