Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Milano, effetti del crimine sugli affari. Le imprese: "Baby gang e abusivismo in aumento"

Il report 'Allarghiamo i confini della legalità' di Confcommercio: coinvolte 480 aziende. Tra le principali criticità atti vandalici, contraffazione e furti

Baby gang
Baby gang

Milano, 20 aprile 2022 - Abusivismo e contraffazione in crescita, così come gli atti vandalici. E tra i fenomeni criminali percepiti dalle imprese, sono triplicate le segnalazioni rispetto alle baby gang. In sintesi sono questi i risultati principali che emergono dall'indagine 'Allarghiamo i confini della legalità' di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, in collaborazione con Indicam e Netcomm, presentata oggi in occasione della Giornata 'Legalità, ci piace!' nella sede milanese di Confcommercio in corso Venezia. Il report ha coinvolto 480 imprese, in particolar modo di Milano e Città Metropolitana (77%).

Fra gli indicatori che, secondo le aziende, possono misurare la sicurezza sul territorio, dall'indagine emergono soprattutto negozi sfitti (34%), atti vandalici (30%), furti negli esercizi commerciali (26%), venditori abusivi (23%), scippi e borseggi (20%), spaccio (19%) e baby gang (11%). Su alcuni di questi indicatori il raffronto con il 2019 è negativo, specie sul fronte degli atti vandalici (nel 2019 solo il 13,8% segnalava il problema come un fenomeno criminale percepito). Triplicato anche il fenomeno delle baby gang: l'11%% delle imprese lo segnala contro il 3,1% del 2019.

Nell'indagine, inoltre, si chiede anche di quali fenomeni criminali gli imprenditori sono stati direttamente vittime: il 47% non ha subito nessuno dei reati presi in esame. Le maggiori segnalazioni riguardano i furti in esercizi commerciali (27%) - in aumento rispetto al 2019 (20,9%) - e gli atti vandalici (20%), poi truffe (11%), abusivismo (6%), rapine (6%). Alla domanda se il rischio rappresentato da fenomeni malavitosi avesse fatto considerare la possibilità di trasferire o cedere l'attività, soltanto il 5% ha segnalato questa decisione e il 5% ci sta pensando.

Per aumentare la sicurezza sul territorio, invece, la soluzione più indicata dagli imprenditori rimane la maggior presenza delle forze dell'ordine (85%), insieme alla videosorveglianza stradale (46%) e la maggiore illuminazione (34%). Abusivismo e contraffazione sono fenomeni che gli imprenditori indicano in aumento (è d'accordo su questo l'81% degli intervistati), con il 39% di essi che afferma di essere entrato in contatto con prodotti contraffatti. Gli effetti di contraffazione e abusivismo pesano sull'attività in particolare per concorrenza sleale (63%) e contribuiscono a ridurre il fatturato (22%). Confcommercio, nell'indagine 2022, si concentra anche sulle vendite online: il 70% delle imprese le reputa sicure e soltanto l'11% delle aziende coinvolte dichiara di essere stata vittima di frodi informatiche. Sul territorio, infine, si segnalano circa 40 discariche abusive rilevate tramite la piattaforma Mine Crime, la maggior parte nella zona di Milano, Monza e Brianza.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?