Galleria Vittorio Emauele, si cambia: asta all’incanto per assegnare le vetrine Swarovski

Il contratto sottoscritto dal brand del cristallo nel 2012 scadrà il 24 gennaio 2024. Il canone annuo a base d’asta è fissato in 506mila euro

Galleria Vittorio Emanuele

Galleria Vittorio Emanuele

Milano, 29 dicembre 2023 – Dopo l’assegnazione di due spazi ai brand del lusso Balenciaga e The Bridge, arriva un’altra novità in Galleria Vittorio Emanuele. Il Comune di Milano, infatti, ha aperto l’asta all’incanto per un negozio con concessione in scadenza. Si tratta dello spazio affacciato sull’Ottagono oggi a insegna Swarovski. Il contratto, sottoscritto dal brand del cristallo nel 2012, giunge a naturale conclusione il 24 gennaio prossimo.

I numeri 

La boutique, di 174,5 metri quadrati su tre livelli con due vetrine, all’incrocio dei bracci della Galleria, viene messa a gara secondo le linee di indirizzo proposte dall’assessore al Bilancio e Patrimonio, Emmanuel Conte, e approvate dalla Giunta di Palazzo Marino.

La procedura pubblica prevede una prima fase di qualificazione che, valutando il valore delle proposte di utilizzo, il prestigio delle attività e il pregio estetico dei progetti concorrenti, servirà per individuare gli ammessi alla gara con incanto. Il canone annuo a base d’asta è fissato in 506mila euro, pari a 2.900 euro al metro quadro.

Il Comune

“Con la delibera approvata dalla Giunta – spiega Conte – apriamo la sesta asta all’incanto per i locali della Galleria da quando questo tipo di procedura è stata introdotta dall’Amministrazione comunale, nel 2019, riservandola ai negozi che affacciano sull’Ottagono, gli spazi di maggior pregio e oggetto di più forte interesse. È uno degli strumenti di cui ci siamo dotati per valorizzare la Galleria, affiancando al criterio della tutela del luogo e del suo significato storico e artistico quello della piena redditività dei beni pubblici”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro