Motociclista con la mascherina
Motociclista con la mascherina

Milano, 13 dicembre 2018 - I veicoli​ ibridi elettrici potranno circolare gratuitamente all’interno dell’Area C fino al primo ottobre 2022. La proroga è stata stabilita dal Comune, che ha anche aumentato i contributi destinati a chi rottama veicoli commerciali di classi vietate per l’ingresso in Area B, la nuova zona a traffico limitato che verrà introdotta dal prossimo 25 febbraio, vietando progressivamente l’ingresso a Milano delle auto più inquinanti con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria. La proroga per la gratuità di ingresso in Area C tiene conto di una modifica nel sistema di calcolo e di classificazione dei veicoli che fanno seguito ad accordi europei che devono ancora essere introdotti in Italia.

È stato pubblicato, inoltre, sul portale di Palazzo Marino, il nuovo bando per le imprese che vogliono chiedere un contributo per l’acquisto di un veicolo ad alimentazione elettrica, ibrida, metano, benzina/metano, gpl, benzina gpl, benzina euro 6. Sono sostanzialmente due gli ampliamenti rispetto al bando già pubblicato: la possibilità per le micro, piccole e medie imprese e le imprese artigiane con sede legale, unità locale o licenza per l’esercizio a Milano, di acquistare anche un veicolo usato o chilometro 0 e l’incremento dell’importo destinato all’acquisto di ogni veicolo.

«L’obiettivo che vogliamo ottenere con questa integrazione al bando - spiega Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente - è ampliare la platea di imprese che decidano la sostituzione di un veicolo molto inquinante e vecchio con un altro più efficiente dal punto di vista economico e di contenimento delle emissioni inquinanti. Per questo è possibile acquistare anche veicoli usati e a chilometro 0 e per ogni veicolo sostituito il contributo all’impresa viene incrementato fino al 50 per cento. Se le imprese sapranno approfittare di questi importanti contributi alla rottamazione siamo pronti a rifinanziare il bando. Per noi è fondamentale migliorare la flotta dei veicoli circolanti in città».