Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
7 dic 2022

Ambrogini d'Oro, Abatantuono: "Non demolite San Siro". Ma Sala: "Milano guarda avanti"

L’ attore: "Io terrei il Meazza e lo riqualificherei". Ma la Giunta è pronta a dire "sì" ai club Il sindaco dal palco: "C’è la crisi ma Milano fa sempre un passo avanti e guarda al futuro"

7 dic 2022
(DIRE) Milano, 7 dic. - "Lo spirito ambrosiano moltiplica la creatività, l'innovazione e la capacità di fare impresa, volontariato, ricerca, cultura. Se Milano è un punto di riferimento nazionale e internazionale in queste dimensioni, come ci rammenta la presenza oggi in città del presidente Mattarella, della presidente della Commissione europea Von der Leyen e della premier Meloni, lo dobbiamo in primo luogo alle persone che danno energia e vitalità alla città, ai milanesi, agli italiani, ai cittadini europei e di ogni continente che scelgono di crescere in questa comunità. Oggi, la giornata degli Ambrogini, è la loro, nostra giornata". Lo ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala consegnando stamane al teatro del Verme le 40 civiche benemerenze: cinque Medaglie d'Oro alla memoria, 15 Medaglie d'Oro e 20 attestati di Civica Benemerenza.    Sala ha definito Don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione a cui è stata assegnata la Medaglia d'oro grande alla Memoria nel centenario della nascita "una personalità rivoluzionaria. La sua lezione ha ispirato decine di migliaia di nostri concittadini nello spendersi per l'altro in modo altruistico e generoso, attraverso le loro opere quotidiane, nel lavoro come nel volontariato".      "La stessa dedizione verso la nostra comunità ha guidato le donne e gli uomini ai quali riconosciamo la Medaglia d'oro alla memoria- ha proseguito Sala- Carmen De Min, punto di riferimento delle mamme del Leoncavallo, Manlio Armellini, lo storico manager che ha accompagnato l'affermazione del Salone del Mobile, Cesare Cadeo, indimenticato conduttore TV e amministratore locale, Valentino De Chiara, che ha introdotto la passione per il frisbee".       Il sindaco ha insistito su Milano culla di "idee, progetti e azioni" che "rinsaldano il senso di appartenenza alla nostra comunità. Un sentire comune ambrosiano che unisce uomini delle istituzioni come il prefetto Francesco Paolo Tronca, innovatori, dalla consulenza imprenditoriale di Alfredo Ambrosetti alla moda di Martino Midali all'ospitalità di Enrico Lizzi, uomini e donne di scienza e di cura dell'altro, Gianvincenzo Zuccotti, Marisa Cantarelli e Cesare Sirtori, punti di riferimento nel Volontariato come Alessandra Berlenghi, artisti che hanno acceso il cuore di tutti noi, Diego Abatantuono e Mauro Pagani, l'impegno civile di Alberto Jannuzzelli, Marco Cappato e Antonella Ferrari, la vivacità culturale regalataci da Francesca Parvizyar e Michela Proietti".     Una città, Milano, capace di "convergere su obiettivi comuni, che fanno crescere tutti e ciascuno. Nonostante le emergenze, le crisi e le curvature che si profilano all'orizzonte, Milano continua a produrre speranza perché i nostri valori fondamentali plasmano il cambiamento verso un futuro di maggiori opportunità per tutti".   (Mas/ Dire) 19:04 07-12-2
Diego Abatantuono e Beppe Sala
Hai già un abbonamento?
Questo articolo è riservato agli abbonati

Accedi senza limiti a tutti i contenuti di ilgiorno.it e dei siti collegati.Naviga senza pubblicità!

Disdici quando vuoi

mese
Oppure

Accesso per un giorno

0,99 € per 24hSenza rinnovo automatico

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?