Quotidiano Nazionale logo
21 feb 2022

Agguati negli androni dei palazzi, pugni per pochi euro

NoLo, ogni giorno un caso . E i residenti si difendono. anche con Instagram

L’area. a nord di piazzale Loreto fa registrare un aumento di furti e rapine episodi segnalati sui social dalle stesse vittime
L’area. a nord di piazzale Loreto fa registrare un aumento di furti e rapine episodi segnalati sui social dalle stesse vittime
L’area. a nord di piazzale Loreto fa registrare un aumento di furti e rapine episodi segnalati sui social dalle stesse vittime

MILANO Piazzale Loreto, viale Monza, via dei Transiti, via Padova e via Giacosa, queste sono le vie finite sotto la lente dei social di quartiere che ormai ogni giorno registrano episodi di microcriminalità, raccontati dalle stesse vittime o da chi ha assistito, a volte ipotente a quanto stava succedendo. Scippi, rapine e furti vengono ripresi in video, raccontati e riproposti su facebook e su instagram "Nolomilano" in un tam tam che aiuta a mettere tutti in guardia. Ad essere segnalate sono soprattutto le aggressioni che ultimamente avvengono negli androni dei palazzi di viale Monza. Piccola criminalità che aggrava però il senso di insicurezza, la percezione di pericolo. Gli aggressori sono perlopiù immigrati che riescono ad intrufolarsi nei palazzi senza portineria e attendono il momento giusto per tentare di scippare chi entra. Una aggressione più grave, sempre segnalata sui social, si è consumata in via dei Transiti, l’altra notte. Una giovane racconta di essere stata rincorsa e presa a pugni da un giovane immigrato al solo scopo di portargli via la borsa e il telefono. Così nelle scorse settimane una ragazza in attesa di prendere la metropolitana, sempre nella zona, è stata avvicinata alle spalle da due individui mentre era intenta a digitare sul telefonino; i due le hanno strappato dalle mani il cellulare e sono fuggiti. E poi c’è " il caso" della "Gozadera" di via Giacosa. Una sala da "sballo" per sudamericani chiusa più volte dal questore che ogni volta riapre cambiando nome, oggi è "La Rumba". Spaccio, rapine e, in passato, anche una violenza sessuale, almeno una quella denunciata. I residenti della via spesso filmano dall’alto dei loro balconi lo scempio, le aggressioni, le liti fra gli avventori del locale, spesso ubriachi. Segnalazioni ai social, iniziative di quartiere, ma la situazione non cambia. An.Gi. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?