Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
16 giu 2022

Avvicinata in metropolitana e palpeggiata sul bus, trova rifugio in un condominio

La venticinquenne è riuscita a fuggire e a chiedere aiuto, poi ha denunciato tutto ai carabinieri: "Servono controlli di notte"

16 giu 2022
marianna vazzana
Cronaca
L’uomo ha seguito la ragazza da Assago fino al quartiere Baggio
L’uomo ha seguito la ragazza da Assago fino al quartiere Baggio
L’uomo ha seguito la ragazza da Assago fino al quartiere Baggio
L’uomo ha seguito la ragazza da Assago fino al quartiere Baggio

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

"Alla fermata Bisceglie sono salita sul bus della linea 63, direzione Olmi, dove ho avuto la sfortuna di avere accanto, seduto, un sudamericano ubriaco marcio che mi ha palpata e messo le mani nelle parti intime". Lo racconta Marianna M., una ragazza di 25 anni, salvatasi per un soffio da una violenza sessuale nel quartiere Baggio la notte tra martedì e mercoledì. Ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine chiamando il 112 mentre scappava ed è riuscita ad allontanarsi dal molestatore trovando rifugio in un condominio, accolta da persone che l’hanno soccorsa sentendola urlare e l’hanno poi accompagnata a casa, dove è stata raggiunta dai carabinieri del Nucleo Radiomobile. Ieri ha sporto denuncia alla stazione di Milano San Cristoforo. "Ero andata con alcuni amici al Milano Latin Festival, ad Assago. Alle 23.50 abbiamo preso la metropolitana verde per tornare a casa. A noi si è avvicinato un uomo che ha iniziato a chiacchierare del più e del meno. Sulla quarantina, vestito in abiti da lavoro, con anche le scarpe antinfortunistiche, che ci ha detto di essere messicano. Visibilmente ubriaco ma non molesto".

Al capolinea di Bisceglie (della linea rossa, raggiunta dopo il cambio a Cadorna), la ragazza è rimasta da sola ad aspettare il bus, e quell’uomo era ancora accanto a lei. "Una volta a bordo mi si è seduto vicino e ha appoggiato lo zaino tra la mia gamba e la sua. Poi ha infilato una mano nei miei pantaloncini, raggiungendo le mutandine. Ho urlato e mi sono allontanata. Il bus era pieno di gente ma nessuno è intervenuto". Una volta scesa, in via Gozzoli, "pensavo di essermene liberata. Ma mi sono accorta che era sceso anche lui e che mi stava seguendo. Si è messo a correre verso di me. Mi avrebbe violentata di sicuro se io non fossi scappata. Mi ha lanciato la bottiglia di birra che aveva in mano ferendomi lievemente a un piede ma io ho continuato a correre e l’ho seminato, chiamando nel frattempo il 112. Urlavo con tutta la voce che avevo".

Era l’una di notte. "Per fortuna, alcune persone di un condominio di via Val d’Intelvi mi hanno sentita e mi hanno aperto la porta, salvandomi. Il mio molestatore è scappato. "Io non ho l'auto e, quando mi capita di uscire la sera, prendo sempre i mezzi pubblici: non mi era mai successa una cosa del genere ma ora ho paura di uscire di notte. Al capolinea di Bisceglie e a Baggio c’è il deserto, dopo mezzanotte: perché non istituire un presidio di pattuglie?". Antonio Salinari (Forza Italia), consigliere del Municipio 7, attacca il Comune "che da oltre un anno ha cancellato il servizio di presidio fisso della polizia locale nei quartieri più a rischio".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?