E' arrivato il gran caldo (Foto Alive)
E' arrivato il gran caldo (Foto Alive)

Milano - Finalmente estate. Dopo qualche settimana ballerina con il sole, ma anche temporali e temperature più basse della media, è arrivato il caldo africano. Prepariamoci, dunque, ad un aumento termico quasi esponenziale, con punte che saliranno fino a toccare e in qualche caso arrivare a 38/39°C. Non solo. Si tornerà anche a sudare anche a causa di un tasso di umidità in graduale aumento che provocherà in alcune zone del nostro Paese un caldo a tratti afoso. Ma vediamo la situazione nel dettaglio. 

Il meteo della settimana

Secondo gli esperti de ilMeteo.it, i primi segnali di una nuova avanzata anticiclonica sono al Nord e in parte del Centro, dove ci sarà subito un ritorno alla stabilità atmosferica. E già da martedì 20 e mercoledì 21 luglio farà molto caldo. Su alcuni tratti della Val Padana, ad esempio in Emilia, in Lombardia e sul Veneto meridionale, la colonnina di mercurio salirà fino a toccare punte di 33/35°C come pure in Toscana e nel Lazio e rispettivamente a Firenze e Roma. Resterà in attesa solamente il Sud a causa di una reiterata influenza da parte del vortice ciclonico che costringerà i termometri a rimanere su valori un po' sotto tono o comunque ad una crescita meno incisiva e rapida. Le cose cambieranno ulteriormente col passare dei giorni quando la vecchia area ciclonica si allontanerà definitivamente anche dal Sud lasciando così strada libera all'alta pressione africana che, gioco forza, non troverà più ostacoli per avvolgere praticamente l'intero Paese con il suo carico di calda stabilità. Colonnine di mercurio dunque in aumento ovunque da giovedì 22 luglio e poi nel corso del prossimo weekend quando ci attendiamo l'apice di questa nuova fase rovente: sarà infatti nel fine settimana che registreremo i picchi più elevati.

Le regioni più calde, anche la Lombardia

Ma dove farà più caldo? Sempre secondo i meteorologi, sicuramente sulle due Isole maggiori, ma in realtà su gran parte del Centro-Nord: in Sardegna si potranno raggiungere punte prossime addirittura ai 38/39°C, ma almeno 35°C previsti pure in Sicilia, su molte zone interne del Centro e sulla Val Padana, Lombardia compresa: Su quest'ultimo settore, a fare la parte del leone sarà come d'abitudine, l'Emilia.

E ad agosto?

Stando alle prime anticipazioni degli esperti de ilMeteo.it, risulta evidente come i primi giorni di agosto saranno contraddistinti dai forti contrasti termici tra masse d'aria diverse. Sono due in particolare gli attori metereologici in gioco: da una parteci saranno le fresche correnti in discesa dal Nord Atlantico e dall'altra il famigerato e caldo anticiclone africano. Ebbene, l'Italia potrebbe trovarsi in una fascia di confine e una particolare attenzione andrà prestata soprattutto alle regioni settentrionali, una sorta di terra di nessuno dove cioè avverranno le interazioni tra le opposte fazioni. In concreto ciò si tradurrà verosimilmente in un'alternanza tra ondate di caldo in arrivo dal cuore dell'Africa (Deserto del Sahara), con punte massime pronte a schizzare ben oltre i 35°C (fino ad oltre 40°C), interrotte bruscamente da pericolosi temporali. Aumenta così il pericolo di eventi meteo estremi, come grandinate e nubifragi.