Quotidiano Nazionale logo
13 ott 2020

Mantova, decolla lo studio sul plasma: l'ospedale Poma arruola il primo paziente

"Un iter lungo e difficile che ha richiesto alcuni mesi per il completamento delle procedure per l'autorizzazione come centro sperimentatore"

RACCOLTA PLASMA IPERIMMUNE COVID 19 AL POLICLINICO SAN MATTEO 
EMERGENZA CORONA VIRUS CORONAVIRUS COVID 19 COVID19
PER TRATTAMENTO CON ANTICORPI PERSONE GUARITE GUARITI TERAPIA
PRELIEVO SANGUE SANGUIGNO PRELIEVI SANGUIGNI
SACCA SACCHE
Il plasma iperimmune (Imagoeconomica)

Mantova, 13 ottobre 2020 - All'ospedale Carlo Poma di Mantova decolla lo studio Tsunami: è stato arruolato il primo paziente. La ricerca, promossa dall'Istituto superiore di sanità (Iss) e dall'Agenzia italiana del farmaco Aifa, ha come obiettivo quello di coinvolgere oltre 400 pazienti in tutta Italia in un periodo di 6 mesi. L'Asst è da inizio emergenza in prima linea nell'esplorazione di questo possibile trattamento da mettere in campo contro Covid-19.

Per la struttura lombarda ricercatori dello studio Tsunami sono il direttore delle Malattie infettive Salvatore Casari, il direttore della Terapia intensiva anestesia e rianimazione Gian Paolo Castelli, il direttore della Pneumologia Giuseppe De Donno e il direttore dell'Immunoematologia e Medicina trasfusionale Massimo Franchini. Il primo paziente a Mantova è stato arruolato giovedì scorso, nel reparto di Malattie Infettive.

"Finalmente siamo riusciti ad arruolare il primo paziente - ha commentato Franchini - è stato un iter lungo e difficile che ha richiesto alcuni mesi per il completamento delle procedure per l'autorizzazione di Mantova come centro sperimentatore. Siamo comunque tra i primi centri italiani ad avere iniziato l'arruolamento. Mantova vuole partecipare attivamente a questo importante studio".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?