Professionisti in azione. Maneggio e locale razziati

Rubate le bottiglie più care che si trovavano negli espositori. Il titolare: avevano fatto un’ispezione, sapevano cosa prendere.

Professionisti in azione. Maneggio e locale razziati
Professionisti in azione. Maneggio e locale razziati

Furto al ristorante “il Remolino”, e all’attiguo maneggio, perpetrato da una banda di professionisti, almeno una decina di persone, che hanno messo in atto un piano ben studiato e che ha fruttato un ingente bottino. I malviventi sono penetrati nel maneggio martedì intorno alle 3 del mattino e poi nel ristorante dove hanno fatto parecchi danni. Dapprima i banditi, approfittando della fitta nebbia, sono arrivati sul posto con due mezzi, un Toyota Hilux e un furgone Ducato. Quindi hanno dato l’assalto al maneggio, dove hanno aperto le stalle e sono penetrati nel deposito delle selle e dei finimenti dei cavalli, facendo man bassa di gran parte della merce in deposito. Portata la refurtiva sul Ducato, utilizzando anche delle carriole per trasportare le selle, l’attenzione dei malviventi si è spostata al ristorante. Hanno rotto un vetro e sono penetrati nella zona ristorazione. Qui hanno trovato il magazzino dei vini, che sapevano dove fosse collocato e da lì hanno asportato e caricato sul Ducato oltre trenta cartoni di vini.

Ma non è finita perché mentre alcuni ladri si dedicavano al trasporto dei cartoni con i vini, altri hanno selezionato con cura le bottiglie più care che erano negli espositori, dimostrando di conoscere perfettamente sia il valore dei vini, sia la loro disposizione all’interno dell’espositore. Alla fine sono state asportate dalla sala ben oltre cento bottiglie di vini pregiati e numerose bottiglie di liquori vari. "Sono rimasti circa otto minuti all’interno del ristorante - racconta il titolare Manuel, che sta ancora finendo di contare i danni subiti -. E sono certo che avevano eseguito almeno un’ispezione perché hanno dimostrato di sapere perfettamente che cosa prendere. Per fortuna siamo assicurati". I banditi non hanno disdegnato di visitare anche il registratore di cassa, dal quale hanno prelevato il cassetto, contenente pochi euro. Infine se ne sono andati intorno alle 4.30 del mattino. Peraltro il pickup Toyota Xilux è stato trovato poco distante, in località Persia, abbandonato in una roggia e dato alle fiamme. Dalle prime indagini si è saputo che questo mezzo era stato rubato a novembre nel Piacentino.