I ladri non si fermano, altre quattro abitazioni saccheggiate

Bande di ladri scatenati nella Bassa: almeno 4 abitazioni colpite a Codogno, San Fiorano, Orio Litta e Bertonico. Oggetti preziosi rubati e furgone forzato a Guardamiglio. Carabinieri all'opera per individuare i responsabili.

I ladri non si fermano, altre quattro abitazioni saccheggiate

I ladri non si fermano, altre quattro abitazioni saccheggiate

Altra ondata di furti nelle abitazioni, ladri scatenati nella Bassa. Mercoledì sera, tra l’ora di cena e la sera inoltrata, i “topi d’appartamento“ hanno di nuovo scorrazzato prendendo d’assalto almeno quattro case. A Codogno, in via Generale Laharpe, la piccola via che sbuca in via Vittorio Veneto e sul piazzale di via Mauri, i malviventi si sono trasformati in acrobati visto che per raggiungere l’abitazione al primo piano, obiettivo prescelto, hanno scalato una grondaia. Dopo aver forzato un serramento, sono entrati nei locali, hanno messo tutto a soqquadro per rubare alcuni oggetti preziosi. A San Fiorano, in via Trento, nel tardo pomeriggio di mercoledì, quando ha cominciato a calare il sole, i ladri sono penetrati in casa mentre la proprietaria era in cantina: una volta risalita al primo piano, ha sorpreso gli sconosciuti mentre stavano scappando con il bottino, sempre monili, appena racimolato.

Non sono stati risparmiati nemmeno Orio Litta, dove la banda ha colpito in via Marconi, e Bertonico, dove è stata registrata un’intrusione in via Mario Tosi: anche in questi ultimi blitz, i malviventi hanno razziato oggetti di famiglia trovati nelle diverse stanze. La gang aveva già colpito a raffica anche nei giorni scorsi a Retegno, San Rocco al Porto e Santo Stefano Lodigiano, ma circa una settimana prima avevano messo a segno raid a Codogno e Casalpusterlengo. I numeri dei colpi, in questo periodo, sono vertiginosamente in ascesa come purtroppo avviene statisticamente ogni anno. Nel pomeriggio di mercoledì, inoltre, all’ora di pranzo, all’interno del parcheggio accanto ad un ristorante sulla via Emilia a Guardamiglio, uno sconosciuto ha forzato un furgone da dove sono sparite attrezzature edili. Quando la vittima è tornata al mezzo dopo la pausa pranzo, ha avuto l’amara ed indigesta sorpresa ed ha chiamato i carabinieri.

Mario Borra