Alcuni bambini a mensa
Alcuni bambini a mensa

San Vittore Olona, 28 settembre 2018 - Sulla vicenda degli insetti in un piatto della scuola primaria Carducci, i genitori scrivono al sindaco Marilena Vercesi. «Ci sembra che, invece di stare dalla parte degli utenti del servizio, ovvero dalla parte dei bambini, lei quasi gliene faccia una colpa». Una lettera esplicita: «La maestra referente della Commissione mensa fa quello che crede sia giusto fare, dal momento che una procedura da seguire non c’è. Leggendo le sue parole sembra che la responsabilità sia solo dell’insegnante e perché allora non degli impiegati comunali, che al sabato non lavorano? O dei genitori della Commissione mensa che non erano presenti? Noi genitori siamo seriamente preoccupati per la situazione e riteniamo che quanto verificatosi non possa liquidarsi dietro il fatto di non essere stata tempestivamente avvisata dalla scuola». 

Secondo i genitori, non si tratterebbe di un episodio isolato: «Ci sono stati altri episodi nelle scuole di San Vittore Olona. Ricordiamo, per esempio, la Nutella scaduta come merenda ai bambini della materna nel gennaio del 2017 o la più recente contaminazione del cibo per una bambina con dieta speciale lo scorso maggio. Ancora, qualche settimana fa un errore nel somministrare ad una bambina con gravi allergie alimentari un piatto contenente cibi cui è allergica. Chiediamo, quindi, di non liquidare un problema così serio come se fosse una colpa di chi lo ha suo malgrado vissuto».

Pronta la risposta del sindaco Marilena Vercesi: «Faremo i passi necessari. Lunedì sarà convocata una assemblea pubblica in tal senso. Mi spiace che qualcuno possa cavalcare questo episodio a livello politico contro la mia persona. I nostri passi li facciamo e li sta facendo anche l’azienda che si occupa della mensa. Bisogna stare attenti prima di accusare persone e istituzioni». Chiarimenti anche dall’azienda Sodexo: «Solo in uno dei tre piatti segnalati era presente un insetto vivo, che si muoveva sul bordo esterno. Sono stati subito ispezionati anche altri piatti di pasta, le ciotoline contenenti il grana e il sacchetto per alimenti contenente il formaggio inviato dal centro cottura, ma anche questi controlli hanno dato esito negativo.  Ad ulteriore conferma, anche l’ispezione dell’Ats, avvenuta il 24 settembre, ha rilevato che il campione di pasta del 21 settembre non evidenziava la presenza di infestanti e che gli ambienti ispezionati, le apparecchiature, gli arredi e gli utensili in uso si presentavano in condizioni di manutenzione e pulizia conformi. La sicurezza, la salute e il benessere delle persone che serviamo, dei bambini, dei nostri clienti e dei nostri collaboratori sono la nostra priorità».<QM>