Maltempo, il livello dell’Olona si alza: le vasche di laminazione “salvano” Nerviano

Sono entrate in azione per la prima volta dalla roggia secondaria di Canegrate

L'Olona domenica mattina a Nerviano

L'Olona domenica mattina a Nerviano

Canegrate (Milano), 11 marzo 2024 - La vasche di laminazione "salvano" Nerviano. La pioggia battente di domenica ha alzato in maniera consistente il livello del fiume Olona soprattutto a valle. verso le 12 sono entrate in azione per la prima volta le vasche create alle Cascinette di Canegrate, fra Parabiago e San Vittore Olona. Il tutto in maniera controllata dalla roggia secondaria dove si realizzerà la bocca di presa nella zona del depuratore canegratese. Le vasche, seppure non ultimate, hanno contenuto l'acqua del fiume evitando allagamenti in quel di Nerviano dove l'Olona è cresciuta fino a lambire le sponde del palazzo comunale.

«Il sistema di controllo della portata del fiume Olona nei pressi del rione delle Cascinette, fortemente voluto dal comune di Canegrate, funziona. Con le piogge violente e incessanti delle ultime ore in altri tempi sarebbe stata inevitabile un’esondazione. Ma ora ci sono le vasche di laminazione. Anche se non ancora completate il collegamento provvisorio con il fiume scatta in base al principio del “troppo pieno” e scarica senza danni l’eccesso d’acqua» hanno spiegato dal palazzo canegratese.

Sono stati allagati alcuni campi a ridosso della roggia secondaria senza però problemi. Olona che si è alzata pericolosamente verso i due metri, salvo poi scendere del tutto nel pomeriggio di domenica.

Secondo il centro geofisico Prealpino di Varese oggi ancora variabile con la perturbazione responsabile delle piogge dei giorni scorsi che si allontana verso SE. Da domani graduale aumento della pressione atmosferica con tempo stabile e giornate soleggiate. Le temperature massime si alzano e il clima sarà mite.