Legnano, nasce un comitato per spostare il terminal bus di Largo Tosi: “Basta degrado”

I residenti della zona e di quelle limitrofe si uniscono per migliorare il decoro della zona e aumentarne la sicurezza

I portici di Largo Tosi a Legnano
I portici di Largo Tosi a Legnano

Legnano (Milano), 14 novembre 2023 – I muri sono coperti di scritte vergate con pennarelli e vernice spray, nella zona si susseguono piccole risse, rapine, episodi di spaccio: una situazione che per i residenti è diventata ormai da tempo insostenibile e che nei giorni scorsi ha condotto infine alla nascita di un comitato, denominato “VIVILARGOTOSI”.

Il gruppo di definisce come “un’associazione, apolitica ed apartitica, di cittadini residenti a Legnano in Largo Franco Tosi e vie limitrofe, che ha come obiettivo il contrasto al degrado, il miglioramento del decoro urbano, l’aumento della sicurezza ed il contrasto all’inquinamento acustico ed ambientale di tale zona”.

La zona in questione è baricentrica rispetto al terminal dei bus e proprio la presenza di questo punto di interscambio ha generato più problemi che vantaggi: da tempo si discute del trasferimento del terminal nella zona della stazione ferroviaria, ma questa ipotesi è legata a doppio filo con il futuro di tutta l’area che comprende anche le palazzine ex uffici Franco Tosi che si affacciano su piazza Monumento. Un percorso, dunque, tutt'altro che immediato.

“È precisa intenzione del comitato offrire, all’amministrazione comunale, la propria disponibilità ad un confronto costruttivo e collaborativo – spiegano ancora i promotori del Comitato da poco costituito - , formulando proposte e promuovendo iniziative volte a sensibilizzare i cittadini che abbiano, come finalità, recuperare ad una normale vita quotidiana, gli spazi posti sotto il porticato di Largo Tosi e nelle immediate vicinanze; il comitato è altresì fermamente determinato a portare avanti la “battaglia” per l’eliminazione del capolinea bus extraurbani, che tante difficoltà crea ormai da diversi anni. Il comitato è aperto a tutti i cittadini che vorranno partecipare. Nei prossimi giorni chiederemo, alle preposte autorità cittadine, che ci venga fissato un incontro per poter discutere dei problemi su esposti e presentare già delle nostre iniziative, sperando nel loro supporto”.