Parabiago, salvo il Circolo Agricolo Sant’Anna: novanta soci in festa a Villapia

È stato affidato in gestione a due coniugi fino al 2030: farà servizio di ristorazione e pizzeria

Parabiago, salvo il Circolo Agricolo Sant’Anna: novanta soci in festa a Villapia

Parabiago, salvo il Circolo Agricolo Sant’Anna: novanta soci in festa a Villapia

Parabiago (Milano) – È salva una delle istituzioni, l’istituzione più importante e storica di Villapia, frazione di Parabiago. Non chiude. Anzi, ha riaperto e ripreso la sua attività il Circolo Cooperativo Agricolo Sant’Anna. E’ stato affidato in gestione fino al 2030, con un contratto di sei anni rinnovabile, alla società B2L dei coniugi Stefano Puglia e Giuseppina Mosca. Farà servizio di ristorazione e pizzeria con il nome di "Ristorante pizzeria trattoria Tiracua" (Tiracoda, l’antico nome del paese). Fondato nel 1906, intitolato alla patrona del paese, luogo di ritrovo tradizionale, il Circolo conta oggi una novantina di soci che si sono riversati in sede con entusiasmo per la serata di apertura.

Un grande sospiro di sollievo per loro e per tutti i residenti di Villapia che hanno vissuto con apprensione questi anni difficili per il Circolo, soprattutto quando pareva un impegno proibitivo quello di risolvere il problema della gestione. Se entro il 31 dicembre dello scorso anno i precedenti gestori non fossero stati sostituiti, per il glorioso Circolo sarebbe stata la chiusura e quindi la fine. Un destino tristissimo per un testimone della storia di Villapia, dai tempi in cui la frazione si chiamava ancora Tiracoda (in dialetto "Tiracua"), nome mantenuto fino a quando, il 26 maggio del 1938, in occasione della consacrazione della nuova chiesa, il cardinale Ildefonso Schuster, arcivescovo di Milano, non propose il cambio del nome. Venne formalizzato con decreto reale del 2 dicembre 1940. Tiracoda divenne così Villapia, ma per i vecchi del paese (e non soltanto per loro) rimase Tiracoda.

«Posso solo dire - commenta Pierangelo Nebuloni, presidente del Circolo da quasi quarant’anni - che sono molto contento, che siamo tutti contenti. Il nostro Circolo adesso è affidato a una famiglia di persone serie, lavoratrici, che sono certo porterà avanti al meglio l’attività. L’interno è stato rinnovato. I frequentatori troveranno un ambiente confortevole e accogliente. Il Circolo può riprendere la sua vita e ha un futuro. Per noi rimarrà sempre il Circolo Sant’Anna in via Casorezzo 19 a Villapia".

«Con la sua presenza - conclude - continuerà a tenere vivo il paese come accadeva in passato, quando a frequentarlo erano i nostri padri e i nostri nonni".