Ecco la “Festa del teatro”. Sul palco di primavera. Poesia, realismo e giallo

Il cartellone s’inaugura il 21 marzo al Lux. L’assessore alla Cultura rimarca il fatto di vantare sale nei vari rioni per diverse tipologie di pubblico.

Ecco la “Festa del teatro”. Sul palco di primavera. Poesia, realismo e giallo

La presentazione della rassegna in vista della Giornata mondiale del teatro

Con l’arrivo della primavera in città torna la Festa del Teatro. Dal 21 al 24 marzo, in vista della Giornata Mondiale del Teatro che ricorre il 27 marzo, alcune sale cittadine, ciascuna con una particolare caratteristica che si esprime nelle proposte culturali, offriranno ad appassionati e non l’occasione per partecipare ad eventi stimolanti e di grande interesse, a testimoniare la loro vivacità. La rassegna nasce grazie all’impegno degli spazi che fanno parte del "Tavolo Teatro", quindi Sociale, Lux, San Giovanni Bosco, Fratello Sole, Manzoni, SpazioTeatro, Sala Pro Busto – Viandanti Teatranti e Sant’Anna, coordinato dall’assessorato alla Cultura guidato dalla vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli. "Con questa iniziativa – dice l’assessore - riaccendiamo i fari sui nostri teatri, un patrimonio inestimabile per il valore che custodiscono, con la loro storia e importanti presidi anti-degrado sociale". E ancora "Sono spazi di cultura, sapere, crescita, incontro e confronto sia che propongano rappresentazioni teatrali, sia che offrano attività diverse, come conferenze e incontri su varie tematiche, riferimenti nei vari quartieri". Un’altra ricchezza per la città, sottolinea ancora l’assessore "poter vantare teatri diversi, che si trovano nei vari rioni e raggiungono diverse tipologie di pubblico".

Dunque tra sale e generi teatrali differenti dal 21 al 24 marzo ci sarà una staffetta con proposte di grande interesse. Si comincia giovedì 21 marzo alle 21, al cinema Teatro Lux, con "Seminare Poesia", un viaggio attraverso le parole di poeti e cantanti, con Stefano Orlandi, alla fisarmonica Giulia Bertasi, quindi venerdì 22 marzo alle 21 al Teatro Sociale Cajelli sarà proposto "UnaMuno, nessuno e centomila" di Chiara e Fabio Bussotti, regia di Alberto Oliva, in scena l’incontro tra Luigi Pirandello e lo scrittore spagnolo Miguel de Unamuno. Si prosegue sabato 23 marzo alle 16 al Teatro Sant’Anna con "Circus in crime",spettacolo con investigazione, con L’Oblò, la compagnia del carcere di Busto Arsizio, sempre sabato 23 marzo alle 16 in Sala Pro Busto "La grande bugia", a cura di Viandanti Teatranti, mentre in serata alle 21 sempre alla Sala Pro Busto sarà rappresentata "Passio" – Azione attorno alla liturgia popolare in Italia, mentre il 24 al Ridotto del Teatro Sociale Cajelli "L’uomo dal fiore in bocca" di Pirandello, regia di Federico Grassi.