Merate, beve una tisana alla marijuana: 40enne ricoverata in ospedale

A consigliargliela e convincerla sono stati gli amici. Pochi minuti dopo averla finita ha cominciato infatti ad avvertire palpitazioni, poi qualche convulsione e infine le allucinazioni

La donna è finita in pronto soccorso al Mandic di Merate

La donna è finita in pronto soccorso al Mandic di Merate

Merate (Lecco), 17 febbraio 2024 – Forse era troppo carica, o magari l'ha lasciata troppo a lungo in infusione, oppure è lei che non la regge. Una 40enne del Meratese nei giorni scorsi si è sentita male dopo aver bevuto una tisana all'erba, nel senso di marijuana. Da quanto risulta era una tisana legale, con un infuso già pronto all'uso, a base di cannabis a basso contenuto di thc.

A consigliargliela e convincerla sono stati gli amici. Lei l'ha presa per rilassarsi, invece le è successo esattamente il contrario. Pochi minuti dopo aver finito di bere la tisana ha cominciato infatti ad avvertire palpitazioni, poi qualche convulsione e infine le allucinazioni.

E' stata soccorsa a casa dai sanitari di Areu e poi trasferita in ambulanza d'urgenza al Pronto soccorso dell'ospedale di Merate. La 40enne ha subito raccontato cosa aveva assunto e come. Dagli accertamenti in effetti è emerso che era positiva ai cannabinoidi, sebbene con valori nemmeno troppo eccessivi. La paziente è stata curata con farmaci specifici e ricoverata in osservazione sotto stretto controllo. Una volta cessati gli effetti e i sintomi dell'intossicazione da marijuana è stata dimessa senza conseguenze.