Si schiantano contro un muretto. Sofia muore nell’auto con gli amici

La diciottenne era seduta sul sedile posteriore dell’utilitaria che ha sbandato sull’asfalto ghiacciato. Gli altri quattro, due ragazzi e due ragazze, sono stati portati in pronto soccorso con ferite non gravi.

NEMBRO (Bergamo)

Il più grande ha solo 19 anni, la più giovane 17. Due ragazzi e tre ragazze, amici residenti a Scanzorosciate. E solo 18 anni aveva anche Sofia Bagattini, di Albano Sant’Alessandro (ma le sue amicizie sono tutte a Scanzorosciate) che nella notte di sabato ha perso la vita nell’incidente avvenuto a Nembro, nella frazione Rinnovata di Gavarno. Il personale sanitario ha cercato di rianimarla per oltre 30 minuti ma alla fine si è dovuto arrendere. Feriti, non in modo serio, gli altri componenti del gruppetto, ricoverati in codice giallo all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e al Bolognini di Seriate.

La morte di Sofia lascia due paesi in lutto. Al dolore si è unita la società di pallavolo Gavarno con un post su Facebook: "Sofia Bagattini del 2005 con noi nel periodo pre covid ci ha lasciati in un grave incidente. Sentite condoglianze ai familiari".

È notta fonda. Sono le 2 quando un’auto, una Fiat Panda nera con a bordo i cinque ragazzi, percorre via Gavarno, strada che collega la Tribulina di Scanzorosciate e Nembro. Il gruppetto vuole raggiungere il Mc Donald’s a Nembro, ma all’altezza della frazione Rinnovata sbanda sulla strada ghiacciata, in una doppia curva stretta. La Panda termina la sua corsa contro un muretto di recinzione perimetrale delle Officine della Gavarnia, danneggiando la ringhiera e abbattendo la centralina dell’elettricità. "Ho sentito un forte botto alle 2,30 e quando sono uscito ho visto la macchina contro la mia proprietà – racconta un residente –. C’erano dei ragazzi che urlavano e piangevano. Una, dolorante, non riusciva a uscire dall’abitacolo. Dopo una decina di minuti è arrivata l’ambulanza che ha fatto il primo intervento, poi altre due per soccorrere i feriti, carabinieri e vigili del fuoco che hanno estratto la ragazza dalla vettura".

L’impatto della Panda contro è stato fortissimo. Sofia Bagattini, seduta dietro, stretta tra gli amici, perde i sensi e poi muore a causa delle ferite riportate nell’urto. Gli altri occupanti della Panda escono dall’abitacolo, sono disperati, piangono. Vengono soccorsi e successivamente ricoverati negli ospedali di Bergamo e Seriate con le ambulanze che la centrale operativa del 118 ha inviato sul luogo dell’incidente. Per i rilievi di legge arrivano i carabinieri del Comando provinciale e i vigili del fuoco mettono in sicurezza il mezzo e bonificano l’area. La strada è rimasta chiusa fino alle 5 di ieri mattina per consentire agli operatori di intervenire.