Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 apr 2022

Restaurata la cappella votiva del soldato

L’hanno realizzata l’1 luglio del 1953 diciotto amici volontari della Valsassina

24 apr 2022
Molti dei promotori sono mancati. L’invito per. domani è esteso ai familiari
Molti dei promotori sono mancati. L’invito per. domani è esteso ai familiari
Molti dei promotori sono mancati. L’invito per. domani è esteso ai familiari
Molti dei promotori sono mancati. L’invito per. domani è esteso ai familiari
Molti dei promotori sono mancati. L’invito per. domani è esteso ai familiari
Molti dei promotori sono mancati. L’invito per. domani è esteso ai familiari

Una cappella votiva più unica che rara. È la cappella del soldato di Parlasco. È affrescata con un dipinto di Gesù che tiene per mano un soldato e con altri disegni sulla Seconda guerra mondiale: l’armistizio dell’8 settembre 1943, i lager, la Liberazione del 25 Aprile 1945, la Resistenza, i partigiani della 55^ brigata Fratelli Rosselli, le campagne di Albania, Grecia e Russa. L’hanno realizzata e inaugurata l’1 luglio 1953 18 amici volontari della Valsassina, tra cui due reduci dai campi di concentramento e due partigiani. Il trascorrere del tempo e le intemperie stavano cancellano quelle storie tracciate dal pittore Pierino Motta di Introbio. A preservare il patrimonio di devozione di fede e verso chi ha combattuto per l’Italia che non ha eguali ci hanno pensato i soci dell’Anpi della Valsassina, guidati dall’ex presidente Augusto Amanti, a cui si deve la memoria degli oltre 400 internati valsassinesi nei lager nazisti, che, con una sottoscrizione, hanno raccolto i fondi per restaurare la cappella del soldato. La cappelletta restaurata verrà inaugurata domani pomeriggio, in occasione della Festa del 25 aprile, con una solenne cerimonia a cui seguirà una cena conviviale organizzata dai volontari della Pro loco. Il custode della memoria degli internati è riuscito a risalire a tutti i volontari a cui si deve la cappelletta. "Purtroppo ormai sono mancati – spiega Augusto Amanti -. Abbiamo però invitato i loro cari".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?