Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 ott 2021

Reddito di cittadinanza al sorvegliato speciale per reati di mafia

La guardia di finanza ha scovato 70 persone che non ne avevano diritto: ci sono “poveri“ che abitano in case di lusso

20 ott 2021
I militari della Guardia di finanza di Lecco
I militari della Guardia di finanza di Lecco
I militari della Guardia di finanza di Lecco
I militari della Guardia di finanza di Lecco
I militari della Guardia di finanza di Lecco
I militari della Guardia di finanza di Lecco

Il reddito di cittadinanza al sorvegliato speciale per reati di stampo mafioso. Ma anche a finti poveri che girano in fuoriserie e abitano in case di lusso, scommettitori baciati dalla dea bendata che hanno incassato piccole fortune con puntate e scommesse online, lavoratori in nero e familiari di carcerati. I militari della Guardia di finanza di Lecco ne hanno scovati 70 che hanno rubato complessivamente almeno un milione di euro. Sono stati tutti denunciati, ma sono scattati anche a loro carico sequestri preventivi per un controvalore totale di 500mila euro. Rappresentano poco meno del 4% dei circa 2mila lecchesi che mensilmente ricevono l’aiuto di Stato. Tra i presunti furboni c’è pure Giuseppe Gigliotti, 66 anni da compiere a novembre, originario di Petronà, provincia di Catanzaro, che però da tempo risiede in pianta stabile a Galbiate, catturato nel 2006 durante l’operazione "Oversize" che ha portato in carcere una quarantina di persone accusate di essere in organico o vicine alla ‘ndrangheta e poi condannato. Non è l’unico che tra il resto risulta interdetto per sempre dai pubblici uffici per i reati di cui è stato riconosciuto colpevole ad essersi messo in fila agli sportelli delle Poste per ricaricare la tessera o incassare cash il sostegno. Con lui tra i 70 hanno percepito indebitamente il reddito di cittadinanza altri 11 “colleghi“ colpiti dall’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Gli altri sono 37 stranieri di origine extracomunitaria, 30 che nemmeno abitano in provincia, 8 che non hanno comunicato di avere un familiare convivente in stato di detenzione. Gli altri invece non hanno indicato nella domanda per ottenere il reddito di cittadinanza tutti i redditi percepiti o appunto vincite a giochi online né il possesso di immobili e auto di lusso e infine qualcuno è stato sorpreso mentre lavorava in nero per intascarsi lo stipendio pieno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?