Lecco, 12 giugno 2019 – Emergenza maltempo nel Lecchese. A causa dei violenti temporali che hanno spazzato via l'Alto Lario con frane, smottamenti, colate di fango e fiumi esondati, è stato decretato lo stato di emergenza per calamità naturale e sono state attivate le operazioni di sfollamento di tutti i cittadini di Dervio e delle zone di Cortabbio e della valle delle Noci di Primaluna che temporaneamente sono destinati a Bellano e Colico in attesa poi di valutare il da farsi. 

Dopo la preoccupazione iniziale, nel pomeriggio a Dervio è stata revocata l'allerta per il superamento delle quote massime dell'invaso della diga di Pagnona. Lo ha fatto sapere la sala operativa della Protezione civile. Enel Green Power, la Società del Gruppo Enel dedicata alle energie rinnovabili, ha anche sottolineato in una nota che l'impianto "non ha riportato alcun malfunzionamento né danno strutturale". "In seguito alle abbondanti precipitazioni che hanno interessato l'area nelle ultime ore, EGP ha attivato, in accordo con gli enti preposti - ha spiegato una nota - le procedure standard applicate in caso di eventi di piena. Già dalle ore 13 la quota di invaso della diga era scesa al di sotto della soglia di allerta". "Enel Green Power - ha assicurato la società - sta operando in stretta sinergia con tutti gli enti locali, Regione, Protezione civile, Prefetture di Lecco e Sondrio e Ufficio Dighe, per garantire la sicurezza del territorio". In seguito alle verifiche, i cittadini di Dervio hanno fatto dunque ritorno nelle proprie case

In particolare, a Dervio è esondato il Varrone, creando danni e difficoltà lla popolazione (VIDEO). Disagi anche a Premana, dove una colata di fango si è infranta sulla centralissima via Roma, travolgendo auto e invadendo abitazioni e garage che si affacciano direttamente sulla strada (VIDEO). E' stata evacuata anche la nota azienda Camp.  A Primaluna il torrente Pioverna è straripato, inondando le stradine del paese con acqua e fango (VIDEO). 

La linea Lecco-Sondrio è stata chiusa tra Dervio e Delebio. Chiusa anche la sp72, la rivierasca che collega Lecco a Colico passando da tutti i paesi del lago. E' stato dichiarato lo stato di emergenza. Per gestire la difficile situazione, limitare i danni e gestire la situazione sono stati mobilitati vigili del fuoco, carabinieri, agenti di Polizia e soccorritori. Le immagini e i video postati in rete dai residenti delle diverse zone e sulla pagina social "Sei di Dervio se", sono impressionati.

La statale provinciale 65 fra Cortenova e Parlasco è interrotta per la caduta di un albero, così come sono bloccate la provinciale 62 a Introbio. E' ripresa alle 13.25 la circolazione dei treni regionali con riduzione della velocità fra Colico e Delebio, mentre continua ad essere sospesa fra Dervio e Bellano e i convogli sono sostituiti con bus fra Bellano e Colico. Sul posto i tecnici di Rfi (Gruppo FS Italiane) con personale dedicato all'emergenza causata dal maltempo, per monitorare l'evolversi della situazione. Il meteo, però, è in fase di miglioramento. L'assessore regionale alla Protezione civile Pietro Foroni ha annunciato che si sta "iniziando la conta dei danni e avviando la procedura per chiedere al Governo il riconoscimento dello Stato di emergenza nazionale".